Tenuta San Guido costruirà una nuova cantina per Guidalberto.

Tenuta San Guido, il produttore del Sassicaia, ha dichiarato di essere in procinto di costruire una nuova cantina per la sua etichetta “Guidalberto“.

Lo scopo del progetto è quello di cementare l’identità del vino distinta da quella dell’etichetta di punta della tenuta ed evitare che si tratti di un “secondo vino” del Sassicaia.

Guidalberto e una terza etichetta, “Le Difese”, sono già vinificate in una cantina separata al Sassicaia nella tenuta toscana di 2.500 ettari della Tenuta San Guido.

Parlando a una presentazione delle nuove annate della tenuta questa settimana (28 febbraio), la comproprietaria Priscilla Incisa della Rocchetta ha spiegato che questa attuale azienda vinicola, “si trova in un vecchio frantoio ed è diventata troppo piccola per gestire Guidalberto e Le Difese. ”

In quanto tale, la tenuta è attualmente in fase di ristrutturazione di una vecchia fabbrica di mattoni di sua proprietà che le fornirà più spazio non solo per gestire l’attuale produzione di Guidalberto (circa 400.000 bottiglie) e Le Difese (300.000 bottiglie) ma anche con spazio per aumentare anche la produzione, ha detto Incisa.

Sarà il primo grande progetto edilizio della tenuta da quando ha rinnovato le cantine per il Sassicaia nel 2007.

Soprattutto,  Incisa ha affermato che la costruzione di una nuova cantina per Guidalberto faceva parte di una mossa più ampia per distinguere il vino dalla sua etichetta più famosa.

Sebbene nel blend vengano utilizzati uve di giovani viti destinate in ultima analisi al Sassicaia, Incisa ha sottolineato che il Guidalberto non era il “secondo vino” del Sassicaia e “ha sviluppato una propria identità” nel corso degli anni dalla sua prima annata nel 2000.

Incisa ha aggiunto che c’è stata anche una discussione sul cambiamento della classificazione del vino dall’attuale IGT alla DOC Bolgheri, anche se non è stata ancora presa alcuna decisione.

L’ultima annata del Sassicaia (la 2018) e dei suoi compagni di stalla è stata rilasciata all’inizio di questo mese, con l’agente britannico Armit Wines che ha segnalato un “lancio estremamente riuscito”.

Il 2018 ha ricevuto grandi elogi dalla critica con 97 punti di Antonio Galloni, James Suckling e Monica Larner a The Wine Advocate.

Galloni lo definì “favoloso” e “regale” e notò che era stata un’annata particolarmente adatta allo stile della tenuta.

Il vino è stato rilasciato a £ 900 per la cassa da 6 bottiglie (prezzo di mercato £ 1.800 per la cassa da 12 bottiglie), il Guidalberto del 2019 £ 170 per la cassa da 6 e Le Difese del 2019 £ 90 sempre per la cassa da 6 bottiglie.

Come si può vedere nei grafici seguenti, il Sassicaia 2018 in termini sia di prezzo di mercato corrente che di punteggio sembra ben posizionato come una nuova annata, con il 2016 con punteggi simili comodamente avanti.

 

Nel frattempo, il Guidalberto 2019 non è ancora stato imbottigliato e non ha punteggi di critici di spicco come Galloni.

Tende a collocare i vini con le migliori prestazioni di questa etichetta intorno al punteggio di 92-93 punti (ha detto che “finezza ed eleganza” sono stati i tratti distintivi del 92 punti 2018, ad esempio) e al suo prezzo attuale gli acquirenti sperano senza dubbio che possa raggiungere 93 o meglio ancora e a quel punto il vino diventerebbe davvero molto interessante.

Intanto che uscirà il 2019 il 2018 al prezzo proposto nel pacchetto è un ottima soluzione.