Lisa Perrotti Brown che scrive per Robert Parker hai incontrato il Mark Aubert e degustato i suoi vini.

Sulla rivista di parker del 7 Gennaio è stato pubblicato l’articolo e i punteggi della degustazione.

Visto che gli US diventeranno nel corso del 2021 sempre più interessanti e richiesti anche fra gli investitori penso possa essere interessante approfondire anche per tutti noi.

La California ha forse una mezza dozzina di produttori di Chardonnay costantemente straordinari. Vale a dire, vignaioli di quest’uva che stanno fianco a fianco con i migliori al mondo.

Si tratta di produttori che non imitano lo chardonnay borgognone (perchè è impossibile farlo) , ma che capiscono che il grande California Chardonnay e il grande White Burgundy non sono la stessa cosa, né dovrebbero esserlo. Visionari che non forgiano Chardonnay per seguire le tendenze, ma hanno un atteggiamento senza compromessi, “costruiscilo e arriveranno”.

Mark Aubert è uno di quelli.

Aubert è un’azienda relativamente giovane, appena ventenne.

Ha lavorato presso e con alcuni dei migliori di Napa, seguendo le orme di giganti come Helen Turley sia nella cantina Peter Michael che a Colgin.

 

Aubert risponde a Lisa Perrotti-Brown Brown:

“Sono un ragazzo della Napa Valley, la mia famiglia si è trasferita qui nel 1969”.  “Ho sempre voluto creare i cult Chardonnay e Pinot di Sonoma.” L’obiettivo principale e la maggior parte della produzione all’Aubert è lo Chardonnay, una ricerca unica per un’azienda vinicola californiana, per non parlare di Napa, sinonimo di Cabernet.

Aubert attualmente lavora con nove diversi vigneti di Chardonnay a Sonoma e Napa. “L’uva viene raccolta a mezzanotte, il momento più fresco”, ha detto. “Allora è una corsa contro il tempo. Vogliamo il succo nella botte entro quattro o cinque ore. ” La manipolazione del mosto è molto protettiva. “Se non stai attento nella preparazione, perdi il frutto.” Il succo non viene mai lasciato sedimentare e si evita di rimescolare le fecce. “Tendiamo ad avere fermentazioni molto lente e prolungate. I vini possono impiegare sei mesi per fermentare “. Si pratica la malolattica completa, i vini vengono imbottigliati non filtrati, dopo circa 15 mesi in botte e vasca. “Tratto tutto allo stesso modo per far emergere la continuità nei vigneti.”

Parlando della vendemmia 2018 racconta come siano stati fortunati avendo quantità e qualità maggiori rispetto al 2017.Sono anche stati utilizzati livelli di solforosa molto bassi essendo glia cini molto sani.

Anche la 2019 è stata annata ottima, meno quantità, ma nulla è stato fuori luogo. L’acidità nel 2019 è più alata nei vini e questo potrebbe essere garanzia di maggiore longevità.

E’ stata anche una vendemmia che ha permesso di avere vini molto precisi.

Si tratta di un produttore che sta producendo vini molto validi. Nella sua produzione ogni anno c’è anche una piccola quantità di pinot nero ma ovviamente è lo chardonnay è il re nella sua cantina.

Il suo Chardonnay Lauren Estate del 2018 è stato premiato da Parker con 100/100.

 

Qui sotto un piccolo schema dei punteggi migliori.