Senza dubbio una delle etichette del futuro che vale la pena conoscere anche a scopi di investimento. Parliamo di una bottiglia che si attesta coke cifra sui 200€.

Il sito di riferimento della tenuta è https://www.continuumestate.com

 

 

Prendo spunto dall’articolo di Lisa Perrotti Brown per la rivista di Robert Parker che ha intervistato Mondavi (https://bit.ly/2DNCrrX)

Nel contesto dell’industria vinicola americana, poche famiglie hanno tanta storia di uva come i Mondavi. Considerando l’incrollabile ricerca della famiglia di coltivare uva da vino anche durante l’era del proibizionismo, nel 2019, la famiglia ha celebrato 100 anni nel vino con una serie ininterrotta di vendemmie.

Uno dei più importanti produttori al mondo.

In bilico a circa 457 metri sul livello del mare, affacciato sul fondovalle di Oakville, dove tutto è iniziato per i Mondavi, Continuum segna chiaramente il presente e il futuro della famiglia Mondavi nella Napa Valley.

Il suo vigneto “Sage Mountain” su Pritchard Hill, non lontano da Colgin e Ovid, è un luogo privilegiato per la “nuova” Napa, che esprime i frutti di montagna in uno stile classico audace ma alla moda e rinfrescante.

Fondamentalmente, Continuum è Napa Cab al suo meglio. Ma una delle sue firme è che non si tratta solo di Cabernet Sauvignon. Dei 25 ettari piantati fino ad ora al vigneto di Sage Mountain, poco più della metà, è Cabernet Sauvignon, con circa il 30% del vigneto – una percentuale relativamente alta – dedicata al Cabernet Franc. Il resto è Petit Verdot (11%) e Merlot (4%).

“Il Cabernet Sauvignon è il re, ma anche il Cabernet Franc sulle colline è incredibile. Ha profondità, eleganza e seta ”, ha detto Tim Mondavi. “Abbiamo leggermente ridotto le nostre piantagioni di Petit Verdot e aumentato il Cabernet Franc, dato che qui va così bene”.

 

In qualsiasi anno normale, il piano prevede che la miscela Continuum rifletta approssimativamente le percentuali piantate. Ma gli ultimi anni sono stati tutt’altro che “normali”. Tim ha spiegato che le percentuali di Cabernet Sauvignon nel Continuum nel 2015 e 2016 (poco meno del 50% in entrambi gli anni) erano leggermente inferiori alle previsioni, perché uno schiocco di freddo nel 2015 ha influenzato la resa di quell’anno e anche per il 2016.

Nel 2017, il Cabernet Franc ha contribuito solo al 18% della miscela Continuum. “Nel 2017, molto del nostro Cabernet Franc era ancora in vigna quando si sono verificati gli incendi”,  ha detto.

Prima degli incendi, circa due terzi della loro frutta venivano raccolti e messa in cantina. Mentre raccoglievano il terzo rimanente dopo gli incendi e lo tenevano separato, alla fine non è stato ritenuto accettabile includere nessuna di questie uve condizionate dall’incendio nelle miscele finali. Il Continuum 2017 è senza dubbio uno dei migliori vini della Napa Valley di questa annata notoriamente impegnativa. Ha una purezza bella e sorprendente, offrendo una visione cristallina della personalità profumata, fiammeggiante e seducente del vintage, prima che arrivassero gli incendi devastanti.

Poi arriviamo all’annata 2018, che ho assaggiato per la prima volta in cantina nel febbraio 2019 e recentemente assaggiato come un campione di serbatoio finito che sta per essere imbottigliato.

Composto dal 54% di Cabernet Sauvignon, 31% di Cabernet Franc, 9% di Petit Verdot e 6% di Merlot, la miscela è abbastanza vicina a rispecchiare le piantagioni di quest’anno. “Penso che nel 2018 il mix varietale sia praticamente perfetto”, ha detto Tim. “L’età media delle viti è di poco inferiore ai 20 anni in questa annata.” La mia mente è rimasta completamente sbalordita da come questo vino si sia unito in modo spettacolare. Senza dubbio, è qui che vediamo quanto sia incredibilmente speciale questo singolare sito di Pritchard Hill. Questo Continuum 2018 si unisce ai ranghi dei vini più leggendari di Napa ed è un’annata che esorto i fan a non perdere!

 

Ecco le annotazioni di Lisa Perrotti Brown per Parker