Secondo i dati liv-ex, Sassicaia e Cristal hanno fatto la voce da padrone negli scambi sulla piattaforma inglese questa settimana.

Sebbene ci siano stati scambi interessanti anche su Borgogna, Bordeaux  e Armand De Brignac, per citare un altro Champagne, il grande supertuscans italiano e lo Champagne top di gamma di Roederer hanno scalato le vette.

 

 

 

I principali motori degli scambi degli ultimi giorni di luglio sono stati Sassicaia e Cristal. Entrambe le etichette hanno visto una domanda sostenuta in questo ultimo periodo e in effetti anche dall’inizio dell’anno.
Il Sassicaia 2018 è stato il vino più scambiato per valore nel fine settimana. È stata l’annata più scambiata del Super Tuscan nel 2021 e ha continuato ad esserlo anche nel 2022.
Nel frattempo, il commercio per Cristal si è concentrato sulle annate 2014 e 2008 che hanno guidato il commercio per il marchio quest’anno. Il 2008 e il 2014 rispettivamente sono stati i due vini più scambiati in valore complessivo finora nel 2022.
Nonostante i livelli di scambio sostenuti negli ultimi 18 mesi, tutti e tre i vini hanno continuato a crescere di valore, anche se a tassi molto meno elevati rispetto ad altre etichette.
Il Sassicaia 2018, ad esempio, è cresciuto del 14,2% da inizio anno, un po’ dietro al 35,6% di rialzo visto dal best-performer dell’indice Italy 100 – Soldera Casse Basse 2014 – ma sulla scia di scambi costanti come il grafico sopra Spettacoli.
Allo stesso modo, anche le annate 2008 e 2014 di Cristal non sono state gli Champagne con le migliori prestazioni nell’indice Champagne 50. Il 2008 è aumentato del 20,8% da inizio anno e il 2014 solo del 2,0%. Detto questo, la domanda non ha vacillato per nessuno dei due su base mensile.

 

Questi i dati di Liv-Ex presi dall’articolo ufficiale apparso sul loro sito web.

 

Adesso possiamo mettere qui sotto le schede di questi tre grandi vini estrapolata dal nostro strumento Wine-Value

 

Sassicaia 2018

 

 

 

Cristal 2008

 

 

Cristal 2014