Il 2020 Power 100 è stato pubblicato martedì mattina e l’aumento italiano tra i primi 100 ha guidato la maggior parte dei titoli. Per la prima volta nella storia della lista c’erano quattro marchi italiani nella top 10 – Gaja (3), Sassicaia (4), Ornellaia (6), Masseto (9) – con altri quattordici a completare la top 100.
Inoltre, nella top 25 abbiamo visto vini provenienti da Spagna, Australia, Borgogna, Bordeaux e Champagne mentre l’ampiezza del mercato del vino pregiato nel 2020 è stata messa in mostra. Questo ampliamento è proseguito nel nuovo anno.
La settimana della Borgogna è in pieno svolgimento, il che sembra aver sollevato l’interesse per il mercato secondario fisico. La Borgogna ha ora preso il 24,9% del valore commerciale da inizio mese, il più alto da maggio 2019. Attualmente, il 2018 si sta dimostrando il più attivo, seguito dal 2017 e dal 2016.
Gli Stati Uniti (10,5%) si sono mantenuti vicini al 10%, mentre Champagne (5,2%), Italia (14,9%), Rodano (2,4%) e altri (4,9%) hanno visto la loro quota commerciale scendere mentre il Bordeaux ha ripreso parte della quota persa.

 

Chateau Haut Brion 2017 è stato il vino più scambiato in termini di valore questa settimana. Il vino è stato recentemente recensito da Antonio Galloni, che gli ha assegnato più di 96 punti. Egli osserva che “l’Haut Brion 2017 è ricco e virile, anche in un’annata in cui ha meno potenza della norma”. Conclude, “il finale lungo e sostanziale suggerisce che i lettori possono aspettarsi molti anni di buon bere”.
Haut Brion è stata l’unica First Growth a mantenere la sua posizione nella top 10 Power 100 2020.
Giacomo Conterno Barolo Monfortino Riserva 2014 è stato il vino italiano più scambiato della settimana in termine di volumi. L’annata 2013 è stata il vino più scambiato in tutte le regioni nel 2020. Tuttavia, secondo Antonio Galloni, il 2014 ha un leggero vantaggio in termini di qualità. Ha assegnato all’annata 2014 100 punti, mentre il 2013 è stato di poco inferiore a 99 punti