Al solito ritengo sempre interessanti questi spunti, per capire i trend e quelli che saranno nei prossimi anni i vini su cui investire.

 

Rebecca Gibb MW è entrata a far parte della redazione di Vinous nel settembre 2020 e ieri ha pubblicato il suo primo rapporto regionale, sui vini bianchi della Nuova Zelanda.
Il rapporto parte dallo stato attuale del Sauvignon Blanc – apposito, perché l’uva costituisce “l’88% del vino che lascia la Nuova Zelanda”. E anche se crede che “ora ci siano molti Sauvignon Blanc di alto taglio e omogenei che riempiono gli scaffali”, trova che “nelle mani giuste il Sauvignon Blanc può offrire finezza, profondità e longevità”. Il suo rapporto continua evidenziando i produttori unici che stanno offrendo qualcosa di nuovo al mondo del Sauvignon Blanc. Tre di questi produttori hanno il Sauvignon Blanc presente nella tabella dei suoi migliori vini qui sotto.
Nel mercato secondario, il Sauvignon Blanc ha rappresentato solo il 3,5% del commercio della Nuova Zelanda in valore nel 2020. La varietà più scambiata per la regione è il Pinot Noir, seguito da Chardonnay e Syrah.
Sebbene la maggior parte di ciò che viene piantato in Nuova Zelanda sia Sauvignon Blanc (68%), Gibb ritiene che “ci sia un forte motivo per cui lo Chardonnay produce i migliori vini bianchi della Nuova Zelanda”. Nota tuttavia la difficoltà di costruire un marchio attorno al varietale a causa della sua produzione di massa in tutto il mondo. Ha segnato 96 punti a due vini  e poi una bella gamma fino a 94/100.
Gibb aggiunge inoltre la sua valutazione delle stagioni di crescita, dal 2017 in poi, così come le difficoltà incontrate durante il raccolto 2020 a causa del Covid-19.
Per chiudere il suo rapporto inaugurale, ha concluso con una metafora interessante: “Se la Nuova Zelanda fosse un pianeta, completerebbe semplicemente la sua prima orbita come la sua giovinezza”. Il primo commercio di vino della Nuova Zelanda su Liv-ex ha avuto luogo nel 2003 – 82 casse di Cloudy Bay, Sauvignon Blanc 2002. A quei tempi, era l’unico vino Kiwi con un’impronta globale. Il commercio sul mercato secondario del vino neozelandese deve ancora decollare completamente. Ma poiché più critici, come Gibb, portano gli occhi sulla regione, è solo una questione di tempo prima che trovi le luci della ribalta (vedi la nostra copertura più recente su Fine Wine negli Stati Uniti).