L’impatto degli Stati Uniti sul mercato del vino pregiato è aumentato significativamente negli ultimi dieci anni.

Una volta sul mercato internazionale gli Usa erano un giocatore di minoranza. Ora i suoi produttori, importatori e rivenditori svolgono un ruolo chiave.

Nel 2011, meno dell’1% del vino venduto su Liv-ex è andato ai compratori americani.

Oggi, quasi un terzo degli acquisti è guidato dalle imprese negli Stati Uniti.

Questo lo rende il secondo acquirente più grande su Liv-ex dopo il Regno Unito, che rappresenta poco più di un terzo degli acquisti.

Gli acquisti da parte dei commercianti statunitensi sono aumentati costantemente ogni anno negli ultimi 10 anni. L’eccezione è stata nel 2020, quando gli acquisti sono diminuiti dopo che sono state imposti pesanti dazi sulle importazioni di molti vini europei. Questi dazi sono stati ora revocati, incoraggiando il commercio a riprendersi – e più in alto.

 

Aumento della domanda di vino statunitense

Nello stesso periodo, la domanda di vino statunitense è aumentata. Ora rappresenta oltre l’8% del commercio in valore, un livello simile allo Champagne. Nel 2011, gli Stati Uniti costituivano solo una frazione di punto percentuale.
I marchi iconici della California Screaming Eagle, Scarecrow, Opus One e Harlan Estate sono stati i più scambiati. Ormai esiste un mercato globale molto più ampio per i vini americani.

Portafogli di investimento diversificati

Nella diversificazione dei portafogli degli investitori è bene per il futuro tenere sempre più in considerazione i vini statunitensi, per via della loro qualità e per via del trend in salita di questi vini.

Senza presunzione di completezza ecco un piccolo elenco di vini americani da tenere d’occhio :

JOSEPH PHELPS INSIGNIA

DOMINUS NAPA VALLEY

OPUS ONE MONDAVY

MONTEBELLO RIDGE

SCREAMING EAGLE

HARLAN ESTATE