L’indice Liv-ex 1000 è salito a nuovi livelli negli ultimi tre mesi.
Il regno di due mesi di Lafite 2018 come primo vino scambiato per valore è stato finalmente superato da un’etichetta italiana.
Lo Champagne 50 ha guidato i guadagni tra i sottoindici.

Uno dei più ampi indici di riferimento del Fine Wine Market, il Liv-ex Fine Wine 1000, è aumentato per il nono mese consecutivo, con un aumento dello 0,76% a maggio.
L’indice ha chiuso il mese a 372,78, rendendo questo il terzo mese che il Liv-ex Fine Wine 1000 ha raggiunto un nuovo massimo.


Il mercato dei vini pregiati ha continuato ad ampliarsi a maggio con una media di 630 vini diversi scambiati su base settimanale, con un aumento del 40% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.
Il vino più scambiato sia per valore che per volume è stato il Sassicaia 2018 rilasciato di recente. Ha sbalzato Lafite Rothschild 2018 dal primo posto, che aveva tenuto negli ultimi due mesi.

Sei dei sette sottoindici Liv-ex 1000 sono aumentati a maggio, con solo l’Italia 100 che  è leggermente scesa(-0,10%). Tuttavia, tutti e sette i sottoindici Liv-ex 1000 sono positivi nell’ultimo anno.
Lo Champagne 50 guida i guadagni annuali, essendo aumentato del 13,2% negli ultimi 12 mesi. Il Borgogna 150 è subito dietro, con un aumento del 9,9% nell’ultimo anno.
Il Resto del Mondo 60 è rimasto indietro rispetto agli altri sottoindici, ma ha guidato i guadagni per maggio, in rialzo del 3,06%. Screaming Eagle è stato il suo motore più grande: le sue annate hanno visto un aumento medio del 5,5%.
Lo Champagne 50 ha avuto una corsa impressionante, che è continuata a maggio.

grafici e spunti presi dall’articolo originale apparso su Liv-Ex