Luglio è iniziato con una solida attività di mercato secondario sui vini di  Bordeaux 2019, un’annata molto apprezzata che è stata presentata al mercato a un prezzo generalmente buono.

Alla fine del mese, il commercio di mercato secondario nella vendemmia 2019 è aumentato del 400% rispetto alla vendemmia 2018 allo stesso tempo dell’anno scorso.

Incredibile come i francesi riescano comunque sempre a fare miracoli.

Mentre Bordeaux aveva il maggior numero di occhi  addosso , sono stati però i vini dello Champagne e dell’Italia ad avere le migliori prestazioni.

E’ aumentato e di tanto anche il numero di vini scambiati a Luglio.

A seguito di questo continuo ampliamento del mercato, la quota di Bordeaux è scesa di nuovo al 40,7% degli scambi. Ha iniziato l’anno al 55,3%.

I prezzi sono saliti al rialzo: il Liv-ex 100 è aumentato dell’1,50% a luglio per chiudere sopra i 300 per la prima volta negli ultimi cinque mesi.

L’interesse degli acquirenti sia negli Stati Uniti che in Asia ha contribuito, sebbene vi siano segnali che la domanda da entrambe le regioni si stia nuovamente attenuando in attesa della decisione  USA sui dazi (metà agosto) e le tensioni HK / Cina che sono nuovamente elevate.

Speriamo bene.