Il Liv-ex 1000 è aumentato dello 0,63% a giugno per chiudere a 344,23, rafforzando ulteriormente i suoi guadagni di maggio (+ 1,38%). L’indice è ora in calo dello 0,5% nella prima metà del 2020 dopo un rimbalzo di due mesi.
Il Bordeaux 500 è aumentato dell’1,13% a giugno – l’indice è piatto da inizio anno.
La debolezza della sterlina e un rinnovato vigore da parte degli acquirenti asiatici hanno aiutato il mercato fisico a mantenere la propria posizione di fronte ai venti macroeconomici globali e alla distrazione del rilascio di Bordeaux 2019 .

 

I Sub Indici

Un fattore chiave di crescita a giugno è stato lo Champagne 50, che è aumentato del 2,24%. Il sottoindice ha superato l’Italia 100, che è aumentato dello 0,12% per il mese, come sottoindice con le migliori prestazioni in un periodo di un anno. L’annata 2008 rappresentava quasi un terzo del commercio di Champagne sia per valore che per volume.
Tutti i sottoindici, escluso il resto del mondo 60 (-0,90%), sono aumentati a giugno. Il Bordeaux Legend 40 è aumentato dell’1,42%, seguito dal Rhone 100 (0,82%) e dalla Borgogna 150 (0,39%).
Il mercato ha continuato ad espandersi: da oggi ad oggi il numero di vini distinti commercializzati è aumentato del 18,1%.

Qualche buon dato inizia a intravedersi.