Finora nel 2020 i vini degli Stai Uniti hanno più che raddoppiato la propria quota di mercato in termini di valore commerciale rispetto al 2019 forse agevolati anche dai dazi sui vini francesi imposti da Mr President Trump.

Il maggiore aumento della domanda è stato all’interno degli stessi Stati Uniti, seguiti poi dal Regno Unito.

Gli Stati Uniti hanno avuto una predilezione per Dominus, Overture e Harlan Estate, mentre il Regno Unito sembra avere gli occhi puntati su Screaming Eagle, che rappresenta il 45% del valore commerciale per la regione.

In tutte le regioni di acquisto, l’annata 2016 è di gran lunga la più favorita, il che non sorprende in quanto è anche una delle annate che ha ottenuto più alte valutazioni della critica.

I vini distinti scambiati per gli Stati Uniti hanno raggiunto il massimo storico ad Agosto, più che raddoppiando il mese di Luglio. Da Gennaio a Luglio la crescita è stata del 35%,, da Luglio ad Agosto del 121%.

Storicamente, Napa è stata la regione dominante, rappresentando circa il 90% del commercio statunitense. Tuttavia, proprio come quello che abbiamo visto con il Bordeaux, le regioni più piccole stanno iniziando a comandare più scambi. Proprio quest’anno la quota di Napa è scesa al 70%, con lo Sta. Rita Hills, Sonoma County e Santa Cruz Mountains che si aggiungono al totale.

Gli Stati Uniti sono sotto i riflettori con molte uscite a Settembre e incuriosiscono parecchio il mercato.

Opus One 2017 è uscito questo lunedì ed è stato definito “uno dei vini più completi della vendemmia” da Antonio Galloni. Grazie a  Verite, Joseph Phelps e Quintessa che devono ancora arrivare, l’entusiasmo per gli Stati Uniti potrebbe essere appena all’inizio. Iniziamo a pensarci.

A mio parere non sarà solo moda. I vini sono ottimi.