La Syrah è vitigno internazionale , la abbiamo anche in Italia con discreti risultati soprattutto nella zona di Cortona in Toscana. Ma la patria di eccellenza e i risultati migliori si ottengono in Francia nel Rodano del Nord la dove svettano vini mirabolanti e geniali.

Spesso è un vitigno sottovalutato, in realtà produce vini di potenza, corpo, ma in quella zona del mondo si aggiungono finezza e mineralità.

Negli ultimi anni sta attirando sempre più appassionati sia nella sua versione “europea” sia nella versione australiano quando viene chiamato “Shiraz”.

In Francia in Rodano nella parte del nord è vanificata in purezza e da vita ad appellazioni “mitiche” come Hermitage, st joseph, Cornas.

Nella parte del sud dove il vino di riferimento è lo Chateauneuf du Pape la Syrah viene usata in blend con altri vitigni.

Nel frattempo, in Australia, produce i migliori vini di quel paese e domina in tutto lo spettro del vino, rappresentando oltre un quarto di tutte le uve piantate e fornendo la parte del leone dei vini più ricercati, nonché i migliori, i più costosi e vini di valore migliore

Wine Searcher ha pubblicato in questi giorni la lista dei Syrah più costosi che trovate qui sotto.

La cosa interessante in quella lista – a parte il divario che separa tra il primo e il secondo posto – è sicuramente la presenza dello stesso vino due volte. Grange arriva al secondo e al decimo posto, con due imbottigliamenti leggermente diversi. Forse prendendo spunto dal distillatore scozzese The Macallan (che ha iniziato a rilasciare vecchi whisky nei decanter Lalique per prezzi mozzafiato), Penfolds sta ora rilasciando i suoi vini in confezioni fantasiose, provocando un grande aumento del prezzo medio del vino.

Un’altra strana voce della lista è il vino al quinto posto. God’s Mille Menzel Shiraz a, fino a poco tempo fa, era un vino perfettamente normale, che faceva i suoi affari nella fascia di prezzo da $ 50 a $ 100. Poi nell’ottobre 2018, il prezzo medio è salito da $ 104 a $ 347. E non finisce li; nel giugno dello scorso anno il prezzo è salito alle stelle da $ 330 a $ 645 e attualmente si trova oltre i $ 700. Questo è un piccolo esempio di come un vino possa prezzarsi e volte scommettere su cantine meno blasonate possa dare rientri enormi a patto di prendersi anche rischi enormi.

Nel complesso, tuttavia, i prezzi non sono aumentati in modo significativo dall’anno scorso. Solo la Cuvée Cathelin (in rialzo di $ 319 o il 4,6 per cento) e la Juge Cornas (che ha avuto un aumento medio dei prezzi di $ 102 per bottiglia, o il 16,5 per cento) hanno apprezzato in modo apprezzabile, per così dire. Il resto è a meno di un dollaro o due rispetto ai prezzi medi dell’anno scorso e il Verset Cornas è persino sceso, anche se di un piccolo 1,1 per cento. Anche i due vini di SQN sono rimasti stabili, il che è insolito dato il fascino del collezionista della cantina.

Grazie

 

Emanuele