Analisi di mercato Chateau Latour 2013 investire in vino

 

L’uscita dell’annata 2013 di Chateau Latour è prevista per questo mese, la seconda “nuova” uscita dalla tenuta dal suo ritiro da en primeur, ma come sarà il prezzo? Con pochi punteggi recenti disponibili e in quella che è considerata una delle annate più deboli dopo il 2000, a quale livello questo vino troverà il suo mercato?

Lo scorso maggio il Pauillac First Growth ha rilasciato la sua annata 2012. C’era molto interesse in questa offerta in quanto si trattava della prima annata “nuova” che Latour aveva rilasciato ex cantina da quando si era allontanato dal processo en primeur tipico dei vini bordeaux, dopo essersi accontentato, nel frattempo, di riedizioni.

All’epoca, Liv-ex scrisse che un prezzo di uscita di £ 5.000 avrebbe rappresentato il “valore equo”, dati i punteggi della critica, alla fine è stato rilasciato a £ 4.200, che ha sicuramente rappresentato una “opportunità interessante per gli acquirenti”, come disse Liv-ex.

Sebbene all’epoca fosse una gradita sorpresa, il prezzo di mercato del vino non si è mosso da allora.

L’attività commerciale di Chateau Latour sul mercato è crollata negli ultimi tempi: l’attività dello scorso anno è stata la più bassa dal 2007.

Ciò renderà il posizionamento della versione del 2013 un gioco di margini molto sottili. La situazione è aggravata dalla relativa scarsità di punteggi recenti.

Quando Jane Anson ha recensito il vino per Decanter all’inizio di questo mese, lo ha valutato 93. “Uno dei vini della vendemmia”, ha commentato, aggiungendo che è stato “intelligente della tenuta rilasciare questo vino ora, a otto anni, perché il 2013 è senza dubbio un anno che manca di intensità e struttura per un lungo affinamento in bottiglia ”.

James Suckling ha valutato il vino con 94 punti nel 2016. A parte questo, le uniche altre valutazioni provengono dalle degustazioni in botte en primeur nel 2014.

All’epoca, Robert Parker scriveva ancora i rapporti di Bordeaux per il Wine Advocate e dava una parentesi di appena 88-90, mentre Antonio Galloni era leggermente più generoso con 91-93.

Detto questo, quale sarebbe il “valore equo” per il 2013? Tenendo conto dei punteggi di Anson e Suckling e dato l’attuale prezzo di mercato del vino Chateau Latour con il punteggio più basso (il 2007), c’è spazio per dare al 2013 un prezzo di mercato “equo” attorno £ 4.000 per 12 × 75.

 

Il problema è l’attuale prezzo di mercato del 2012. Sebbene Suckling abbia valutato quell’annata 94 punti, lo stesso del 2013, dicendo che preferiva la struttura del Latour 2011, questa opinione è qualcosa di anomalo.

La maggior parte dei revisori valuta molto il Latour 2012, con Neal Martin che lo considera uno dei migliori vini di quell’annata. E anche se, come suggeriscono le note di degustazione, il 2013 è un vino perfettamente piacevole e ben fatto da un’annata difficile, chiaramente non è forte come altre annate “off” di Latour.

Dal momento che il prezzo del 2012 è rimasto invariato dalla sua uscita lo scorso maggio, è improbabile che un prezzo attorno o superiore  alle £ 4.000 per una cassa da dodici bottiglie appaia particolarmente interessante per i collezionisti.

Sebbene negli ultimi tempi ci sia movimento a Bordeaux,  l’aumento dell’attività è suddiviso comunque in più regioni (Italia, Champagne, Rodano e Stati Uniti ecc.). Latour dovrà rendere la sua offerta estremamente convincente se vuole distinguersi. Essere troppo audaci sul prezzo per un’annata generalmente poco apprezzata potrebbe rivelarsi una sfida pericolosissima per i commercianti.

Fra poco uscirà il vino e quindi sapremo il prezzo di uscita.

Dati e spunti presi dall’articolo originale in lingua inglese apparso su Liv Ex