Un numero crescente di esperti collezionisti riconosce il valore, la diversità e il potenziale di investimento che si possono trovare nella terra di Barolo e Barbaresco. Questo lo afferma una nuova guida introduttiva

al Nebbiolo piemontese sul mercato del vino pregiato, disponibile per gli abbonati Decanter Premium esclusivamente tramite l’app Decanter.

Come molti lettori sapranno, gli eccezionali vini pregiati derivanti dal nebbiolo nell’annata 2016 stanno riscuotendo successi incredibili sul mercato.

“La qualità è in costante aumento da molto tempo ormai”, ha affermato Greg St. Clair, acquirente di vino italiano presso il commerciante statunitense K&L. “In realtà, dal 1995, c’è stata solo una brutta annata, il 2002.” Io personalmente credo che la 2002 come ne è dimostrazione il Barolo Monfortino non è pessima in tutta le Langhe, anzi, forse la 2003 è stata più difficile per il molto calore.

Aumenta la richiesta di Barolo tra i vini da investimento

barolo e vini pregiati da investimentoNuovi collezionisti  ed investitori sono stati attratti dal Nebbiolo piemontese, che sta tenendo testa anche ai grandi Pinot Noir di Borgogna della Cote d’Or.

“Stiamo sicuramente vedendo arrivare nuove persone, che vogliono capire i migliori produttori e le migliori annate di Barolo”, ha affermato Jamie Ritchie, con sede a New York, responsabile del vino in tutto il mondo presso Sotheby.

Will Hargrove, capo della sezione fine wines del commerciante britannico Corney & Barrow, ha dichiarato ad aprile: “Scopriamo sempre più che il Piemonte è qualcosa che la gente vuole avere nei portafogli . I vini piemontesi sono fatti meglio di quanto non siano mai stati.”

Mentre i prezzi per diversi vini rinomati sono aumentati, molti analisti e commercianti sottolineano che il Piemonte ha ancora una vasta gamma di opzioni compatibili con il portafoglio di chi decide di fare investimenti in vino.

Shaun Bishop, CEO del commerciante di vino statunitense JJ Buckley, ha dichiarato a Decanter in aprile: “Nel complesso, i vini pregiati italiani si distinguono per la loro alta qualità e prezzi bassi – in effetti, probabilmente i migliori valori al mondo“.

Ha affermato che la domanda di vini piemontesi, e di vini italiani in generale, è stata ai massimi storici.

“I nomi che stanno vendendo bene includono Vietti, Vajra, Parusso, Cogno, Produttori del Barbaresco, La Spinetta e Pio Cesare.”

Barolo e vini piemontesi, cosa ci si aspetta a lungo termine?

Le tariffe di importazione statunitensi su molti vini di Borgogna e Bordeaux, introdotte nell’ottobre 2019, hanno solo reso l’Italia più attraente per gli acquirenti americani.

Tuttavia, il commerciante britannico BI Fine & Wine Spirits ha affermato una forte domanda di tariffe pre-datate in Toscana e Piemonte.

Guardando al futuro, non si può ignorare che la crisi del coronavirus nel 2020 ha spostato le priorità sia per le cantine, i commercianti e gli acquirenti, e ha anche creato una notevole incertezza per l’economia globale.

Tuttavia, il Piemonte e la Toscana “si stanno dimostrando popolari tra gli amanti del vino che sono abituati a pagare molto di più per i loro equivalenti francesi”, ha scritto Miles Davis, responsabile della gestione professionale del portafoglio presso la borsa dei proprietari di vini da investimento, nel suo rapporto di mercato del maggio 2020.

Liv-ex ha dichiarato che l’Italia rappresentava il 22% delle negoziazioni in valore sulla sua piattaforma nell’aprile 2020, un record per ogni mese.

All’inizio di quest’anno, il gruppo di analisti Wine Lister ha riferito che i suoi commercianti membri avevano identificato il Piemonte a diventare un punto fermo delle cantine da collezione nei prossimi anni.