L’annata 2020 di Cos d’Estournel sarà presentata in una bottiglia in edizione limitata, personalizzata.

Questo per celebrare il 20 ° anniversario dell’acquisizione della tenuta da parte di Michel Reybier.

Le bottiglie commemorative sono una tendenza in crescita a Bordeaux e spesso vedono una forte performance sul mercato secondario.

Una nuova pietra miliare

L’anno scorso è stato il 20 ° anniversario dell’acquisizione  da parte di Michel Reybier.

Per l’occasione, è stato rivelato che l’annata 2020 della tenuta sarà imbottigliata in una bottiglia unica, incisa in nero e oro, con il caratteristico castello della proprietà e le sue pagode.

Il vino non è stato ancora offerto en primeur, ma ci sono alcuni primi punteggi e note per il vino, tra cui 18,5 James Lawther MW che scrive per JancisRobinson.com e un 97-98 di James Suckling.

Tendenza in crescita

Segnare traguardi importanti con bottiglie speciali o etichette uniche è diventata una tendenza sempre più popolare a Bordeaux negli ultimi anni.

Si potrebbe dire che Mouton Rothschild abbia contribuito a rendere popolare questa tendenza e la sua annata 2000, nella bottiglia incisa con l’oro “Augsburg Ram”, è uno degli esempi più famosi.

Angélus e Pavie hanno segnato la loro elevazione allo status di Grand Cru Classé “A” con bottiglie incise per le loro annate 2012.

Margaux ha celebrato il suo 200 ° anniversario nel 2015 con una bottiglia speciale e Lafite aggiunge occasionalmente una piccola incisione sulla parte anteriore della bottiglia in anni importanti,

l’ultima per l’annata 2018 che ha segnato il 150 ° anno di proprietà della famiglia Rothschild.

 

Performance di mercato delle bottiglie con etichette uniche

Ma queste bottiglie speciali superano le prestazioni del mercato? Alcuni lo fanno. L’annata 2000 di Mouton è aumentata di oltre il 1.000% dal suo rilascio di En Primeur, da £ 1.580 per la cassa da 12 a £ 19.850 oggi, nonostante la mancanza di un punteggio stellare da parte di Neal Martin, consegnato nel 2018.

Nel frattempo, come esaminato in un recente articolo sull’andamento delle First Growths in “grandi” annate, il 2015 di Margaux è uno dei vini First Growth con le migliori prestazioni, il suo prezzo è aumentato del 137% dal rilascio.

La vendemmia 2008 di Lafite, con inciso il cinese “otto”, è aumentata del 284% dal rilascio (sebbene in calo rispetto al picco del 2010 di £ 14.000), mentre il 2018 della tenuta è stato uno dei vini di Bordeaux più performanti finora quest’anno, il suo prezzo di mercato è salito del 5,5% solo in aprile.

Le prestazioni altrove possono rivelarsi più varie. I vini 2012 di Angélus e Pavie, ad esempio, sono entrambi aumentati dopo l’uscita, ma mentre il vino del primo ha goduto di un aumento del 93%, quello di Pavie è attualmente aumentato del 26%.

Sia Smith Haut-Lafitte che Talbot hanno imbottigliato le loro annate 2016 in bottiglie commemorative ma, per il momento, nessuno dei due ha visto un aumento, quindi i design in edizione limitata non sono una scommessa a senso unico.

La domanda sulle bottiglie in edizione limitata è fino a che punto l’attrattiva del design della bottiglia stessa influisce sui guadagni del mercato secondario.

Quando si guarda alle prestazioni di questo gruppo di vini, si coglie un modello definito di salti di prezzo (alcuni grandi, alcuni piccoli) all’indomani di un annuncio speciale sul design di una bottiglia o di un’etichetta.

Entrambi i vini di Margaux 2015 e Lafite 2018 hanno visto le loro fortune nel mercato secondario girare in modo decisivo rispettivamente nel novembre 2017 (vedi grafico sopra) e nell’ottobre 2020, quando si è diffusa la notizia del loro packaging proposto.

Pavie 2012 ha visto un balzo del 16% subito dopo l’annuncio dell’etichetta d’argento della primavera 2015. Angélus 2012 ha registrato un balzo dell’80% nei sei mesi successivi all’annuncio della sua etichetta commemorativa.

Il vino Lafite 2008 è passato dal commercio a £ 8.500 per dozzina martedì 26 ottobre 2010 a £ 10.500 a mezzogiorno di mercoledì 27, con un aumento del 20%, dopo la presentazione dell’incisione della bottiglia. Un mese dopo veniva scambiato a £ 13.500.

Nel lungo termine l’appeal resta?

Ma che dire della tenuta di questi vini? Il Lafite 2008, ha beneficiato del suo cenno al fiorente mercato cinese nel 2010 e ha avuto il vantaggio di essere offerto con uno sconto sostanziale rispetto al 2007 in un momento in cui Lafite era l’etichetta leader nel vino pregiato.

Detto questo, è passato dall’essere un top performer a uno dei peggiori quando il mercato ha girato nel 2011, e il suo attuale prezzo di mercato è circa la metà di quello che era al suo picco. Anche il 2015 di Margaux ha visto il suo prezzo ammorbidirsi dai massimi di quasi 13.000 sterline una dozzina nel 2018.

La volatilità è prevedibile in una certa misura, ma può essere anche maggiore per i vini messi sotto i riflettori attraverso una bottiglia commemorativa. Sebbene questi vini possano salire rapidamente alle stelle, il brusio iniziale generato dalla notizia è sufficiente a sostenere il livello che potrebbe raggiungere?

Ad esempio, sembra probabile che il Lafite 2008 raddoppi nuovamente il prezzo, in base alla forza della sua unica piccola incisione?

 

Detto questo, se un vino con una bottiglia sorprendente cattura davvero l’immaginazione del mercato, non c’è molto che possa rallentarlo.

L’annata 2000 di Mouton è un esempio calzante. Le flessioni globali e gli sconvolgimenti del mercato sono stati semplici acceleratori del suo progresso negli ultimi due decenni. Anche quando Neal Martin lo ha valutato 89 nel 2018, il suo prezzo ha continuato a salire.

È chiaro che le bottiglie commemorative aiutano a influenzare il mercato secondario, ma solo fino a un certo punto.

Il fascino di una bottiglia da collezione può aggiungere al mito di una grande annata da una grande tenuta. È ora una questione di tempo per vedere quale vino, se ce n’è uno, può replicare la performance dell’Augsburg Ram di Mouton.

Dati e spunti presi dall’articolo originale in lingua inglese apparso su  Liv Ex