Premessa

La campagna Borgogna en primeur 2019 è in atto, il che significa nuove opportunità per investitori e amanti del vino di accedere ad alcuni fra i vini pi buoni del mondo.

Sebbene la regione abbia registrato prestazioni di prezzo contrastanti negli ultimi due anni, i vini della Borgogna sono rimasti tra i più ricercati al mondo. I prezzi hanno iniziato a riprendersi alla fine dello scorso anno e riteniamo che una forte annata 2019 possa generare ulteriore slancio.

Certo i prezzi sono e restano un problema, a mio parere troppo alti e quindi bisogna scegliere con attenzione.Le recensioni dei vini 2019 sono promettenti. I segnali indicano anche volumi nettamente inferiori rispetto al 2018 .

Al solito come ormai molti altri vini la Borgogna è da vedere sempre a lungo termine, vista la grande capacità di invecchiare dando vita a emozioni uniche.

 

Analisi dell’annata

Il 2019 sembra essere un’annata di riferimento sia per i rossi che per i bianchi con volumi inferiori al 2018 ma qualità elevata su tutta la linea. Molti critici stanno paragonando i rossi di alcune denominazioni alle annate 2009 e alle mitiche annate 2010. Per i bianchi, la maturità del frutto e i livelli di acidità rimandano ai meravigliosi vini del 2017, 2014 o 2012.
Le recensioni positive stanno generando entusiasmo e qualche sorpresa. Il Bourgogne Wine Board ha descritto l’annata come “senza dubbio peculiare”, ma ha anche sottolineato che la qualità dell’uva era “eccezionale” e “degna di un anno con un nove”.

La particolarità è probabilmente un riferimento alla notevole freschezza dei vini nonostante le condizioni climatiche più calde e asciutte della media. Una stagione di crescita calda e secca nel 2018 ha prodotto quantità maggiori ma non necessariamente la stessa qualità delle annate di metà decennio. Tuttavia, le uve della vendemmia 2019 stanno producendo vini con freschezza, elevata acidità e impressionante equilibrio. Alcuni ritengono che le viti si stiano adattando alle condizioni più calde dopo tre anni consecutivi di temperature superiori alle medie a lungo termine.

I produttori stanno anche impiegando una serie di tecniche tra cui un maggiore utilizzo dell’ombra della chioma nel vigneto e un’estrazione più delicata durante la vinificazione. Alcuni produttori biologici e biodinamici ritengono che le loro viti sopportino meglio le condizioni di siccità e mantengano l’acidità nonostante le temperature calde.

Nel 2019, le temperature più elevate sono apparse presto con febbraio e marzo molto miti, sollevando preoccupazioni per la siccità. La pioggia di aprile ha fornito una tregua, ma il germogliamento è arrivato ancora presto con lo chardonnay che ha sfondato il 2 aprile e il pinot nero l’11. Il germogliamento precoce aumenta il rischio di perdita del raccolto a causa del gelo, apparso allora il 5 aprile. Fortunatamente, la Borgogna ha subito solo perdite moderate di uve bianche, soprattutto a Saint Aubin e Chassagne Montrachet, poiché i coltivatori hanno reagito rapidamente per evitare perdite più consistenti.

Nel complesso, i rendimenti del 2019 variano notevolmente. I mesi estivi hanno poi visto un ritorno delle alte temperature, con conseguente stress idrico in molte zone. Alcune ondate di caldo torrido hanno ridotto i raccolti poiché alcune uve si sono avvizzite e bruciate dal sole. Le riduzioni per alcune Cote de Beaune arrivano fino al 50%, mentre molte nella Cote de Nuits segnalano un calo del 20-30% rispetto al 2018.

La vendemmia è iniziata nel Maconnais intorno al 6 settembre e poi in Cote de Beaune intorno al 12 settembre. La maggior parte della Cote de Nuits seguì più tardi intorno al 23. La prima metà di settembre ha beneficiato di giornate calde seguite da notti fresche, aiutando le uve a mantenere la loro acidità. Il momento della raccolta è stato assolutamente fondamentale per la massima qualità dei vini.

Ecco alcuni giudizi dei critici :

 

Neal Martin

“La stagione di crescita era come un amplificatore. Come vi dirà qualsiasi audiofilo, un amplificatore di qualità mantiene un suono chiaro ed equilibrato anche se, come Nigel Tufnel, lo alzate a 11. Nel 2019 Burgundy ha un ottimo amplificatore. Ha amplificato tutte le sfaccettature dell’uva bianca e rossa invece del solo zucchero e alcol. In qualche modo, ha concentrato l’acidità. Basta controllare alcune delle cifre del pH nelle note o nei profili dei produttori. 
“Il fatto che la qualità sia elevata e che l’annata 2019 donerà così tanto piacere al bere è una testimonianza sia della vigna che dell’enologo. Rimane una regione vinicola magica che lancia un incantesimo su chiunque visiti, me compreso “.

Jancis Robinson

“Se la siccità era il problema principale nel 2020, il caldo è stato il killer nel 2019 e il miracolo assoluto è stato quanti 2019 completamente deliziosi sono stati realizzati. Se i rossi del 2019 hanno un difetto, può darsi che i puristi bordeaux ne trovino alcuni un po ‘troppo dolci e fruttati senza tannini marcati, ma non dovrebbero essere delusi dai bianchi “.

 

William Kelley

“In questa fase iniziale, il 2019 sembra annoverare tra le annate rosse di Borgogna più convincenti del millennio.
“Si potrebbe pensare che i vini combinino parte della profondità e della serietà della vendemmia 2005 con un po ‘della generosità e del fascino del 2009; ma penso che le differenze di sito siano definite più chiaramente che in uno di quegli anni e che i vini siano più vivaci e meglio definiti “.

 

I trend del mercato secondario 

Un rallentamento dei prezzi

C’è molto da ammirare sulla Borgogna in termini di attività del mercato secondario. La Borgogna è il leader assoluto se misurata dal prezzo medio commerciale e dall’andamento dei prezzi a lungo termine dei suoi vini.

I coltivatori d’élite della Borgogna rappresentano il punto di ingresso più alto nel mercato dei vini pregiati di qualsiasi regione e la Borgogna è la regione con le migliori prestazioni dal lancio degli indici regionali Liv-ex nel 2003.  Liv Ex ci da come al solito dati molto interessanti.

Ma negli ultimi due anni, la Borgogna è stata l’indice con la peggiore performance, chiudendo il 2019 in calo dell’8,8% e il 2020 in calo dell’1,5%. La pandemia Covid-19, i dazi all’importazione statunitensi sui vini inferiori al 14% vol, insieme all’abbondante annata 2018 a prezzo pieno che è stata rilasciata sul mercato lo scorso anno, hanno contribuito alla pressione al ribasso sui prezzi.

Mentre il benchmark del settore, l’indice Liv-ex 100 (5,4%) e l’indice Liv-ex Fine Wine 50 (3,6%) – che replica la performance del Bordeaux First Growths – si sono ripresi dopo i cali di marzo all’inizio della pandemia , il Burgundy 150 è rimasto in territorio negativo per l’anno (-1,5%).

 

Lo status di lusso della Borgogna è da tempo attratto dagli investitori. Nonostante le flessioni, la Borgogna si è comunque dimostrata un investimento migliore rispetto ad alcune azioni nel 2020. Ha sovraperformato sia l’indice FTSE 100 che l’indice Hang Seng. Tuttavia, è rimasto indietro rispetto all’S & P 500 guidato dalla tecnologia e al DAX tedesco, che hanno realizzato solidi guadagni nell’ultimo trimestre.

 

Rispetto ad altre regioni produttrici di vini pregiati, i prezzi della Borgogna non hanno colto il vento favorevole. Il 2020 è stato l’anno dell’Italia (6,7%) e dello Champagne (6,3%), due regioni esenti dalle tariffe statunitensi del 25%. Anche Rodano (3,9%) e Bordeaux (3,5%, Bordeaux 500) hanno registrato una discreta ripresa. A parte la Borgogna (-1,5%), solo la categoria Resto del Mondo, dominata dai vini americani, ha chiuso l’anno in calo (-0,15%).

 

 

Storicamente, la Borgogna rossa ha sovraperformato la Borgogna bianca sul mercato secondario. Negli ultimi cinque anni, i prezzi dei vini rossi sono aumentati del 78,6% rispetto al 28,9% dei vini bianchi. Nel 2020 il quadro è ancora sostanzialmente lo stesso. Il prezzo medio di vendita di una custodia rossa Borgogna su Liv-ex era il doppio di quella bianca. Tuttavia, i prezzi medi della Borgogna rossa sono scesi di più quest’anno, in calo del 4,6%, mentre la Borgogna bianca è scesa solo dell’1,8%.

Il rallentamento della Borgogna è stato evidente anche nella classifica Power 100 del 2020.

Dieci etichette borgognone sono uscite dalle prime 100, più di qualsiasi altra regione.

Sebbene la quota della Borgogna del Power 100 sia diminuita, nove nuovi coltivatori si sono qualificati per essere presi in considerazione (ma sono rimasti fuori dai primi 100 in classifica).

In effetti, nella regione si sono registrate ancora ottime performance dei prezzi, come si vede nella tabella 1. Si tratta prevalentemente di coltivatori che tradizionalmente non hanno assistito a un’attività significativa sul mercato secondario e hanno quindi avuto maggiori margini di crescita.

 L’espansione della Borgogna

Forse un tema più pertinente dei prezzi è il posto della Borgogna in un mercato in espansione.
In termini di quota commerciale nel 2020, l’Italia è stata la più grande vincitrice, dal 9% al 15%, mentre il Bordeaux ha sofferto di più, dal 55% nel 2019 al 42%. La Borgogna ha tenuto in gran parte la sua posizione dopo un anno record nel 2019, con la sua quota in valore che è scesa solo leggermente, dal 20% al 18%.

 

Il commercio nel 2020 è stato dominato dalle annate più recenti: 2017 (22%), 2018 (15%) e 2016 (9%). I migliori coltivatori della Borgogna, che comandano i prezzi più alti, vale a dire Domaine Romanee Conti, Armand Rousseau e Leroy, hanno naturalmente guidato il commercio in base al valore.
Il grafico 7 mostra la ripartizione del commercio della Borgogna per vigneti Cru. A livello di Cru, Romanee Conti (8,8%), Le Chambertin (6,3%), Musigny (4,5%) e Montrachet (4,4%) hanno conquistato la quota di mercato maggiore della Borgogna. Tuttavia, Batard-Montrachet, Clos de Vougeot, Chevalier-Montrachet, Clos de la Roche e diversi importanti vigneti di Chablis hanno registrato una tendenza al rialzo.
Notevole anche l’emergere di un mercato secondario attivo nel vino di Marsannay, Pernand-Vergelesses, Santenay e Macon, sebbene rimangano relativamente piccoli in termini di valore.

Il commercio nel 2020 è stato dominato dalle annate più recenti: 2017 (22%), 2018 (15%) e 2016 (9%). I migliori coltivatori della Borgogna, che comandano i prezzi più alti, vale a dire Domaine Romanee Conti, Armand Rousseau e Leroy, hanno naturalmente guidato il commercio in base al valore.
Il grafico 7 mostra la ripartizione del commercio della Borgogna per vigneti Cru. A livello di Cru, Romanee Conti (8,8%), Le Chambertin (6,3%), Musigny (4,5%) e Montrachet (4,4%) hanno conquistato la quota di mercato maggiore della Borgogna. Tuttavia, Batard-Montrachet, Clos de Vougeot, Chevalier-Montrachet, Clos de la Roche e diversi importanti vigneti di Chablis hanno registrato una tendenza al rialzo.
Notevole anche l’emergere di un mercato secondario attivo nel vino di Marsannay, Pernand-Vergelesses, Santenay e Macon, sebbene rimangano relativamente piccoli in termini di valore.

 

Qui sotto alcuni grafici che ci indicano i produttori più scambiati su Liv Ex per valore e per volume.

Il fascino squisito della Borgogna rimane, in qualche modo contraddicendo la sua performance sotto la media dell’indice negli ultimi tempi. Mentre le prestazioni dei vini d’élite della Borgogna hanno accennato a un limite di prezzo, molti altri domaine molto apprezzati sono aumentati di valore, superando la classifica del rapporto prezzo / prestazioni Power 100.

Sembrerebbe esserci un cambiamento emergente nell’interesse degli acquirenti: la domanda di Borgogna sta espandendo un ritmo sostenuto mentre i commercianti ei loro clienti cercano offerte di valore migliore. I domaine che in precedenza non avevano attirato una quota commerciale significativa stanno ora beneficiando di un pubblico più ampio.

La maggiore automazione del mercato ha introdotto una gamma più ampia di coltivatori e una gamma più ampia di acquirenti in tutto il mondo.

Se solo cinque anni fa, il mercato secondario della Borgogna apparteneva a un gruppo forte (ma ristretto)
dei pesi massimi tradizionali, ora la sua diversità è in piena esposizione.

Più vini provenienti da più denominazioni della Borgogna stanno assistendo a più scambi sul mercato secondario che mai. Il numero di vini attivi della Borgogna è aumentato di un terzo nell’ultimo anno.

E l’interesse per la Borgogna è stato globale. Ci sono tutte le ragioni per credere che questo interesse crescerà.

Le tendenze emerse lo scorso anno dovrebbero continuare fino al 2021.

Lo Chardonnay di fama mondiale della Borgogna continua a costruire quote di mercato. È probabile che l’anno 2019, che ha prodotto ottimi bianchi, aggiunga ulteriore slancio a questo aumento.

In effetti, l’annata 2019, con forti elogi sia della critica che del commercio, influenzerà ulteriormente le tendenze del 2020. I bassi rendimenti, l’alta qualità e le allocazioni frustranti renderanno alto l’interesse.

Gli aumenti dei prezzi, sebbene sgraditi, erano inevitabili.

Ma come abbiamo già osservato nelle poche settimane di quest’anno, l’entusiasmo per l’uscita ha riacceso l’interesse per le annate già fisiche – 2006, 2017 e 2018, per citarne alcune.

E entro il rilascio del 2019 i commercianti stanno riscontrando una forte domanda di vini da Fixin, Marsannay, Pommard, Ladoix, St Aubin e Monthelie, tra gli altri, dove sia la qualità che il prezzo con a chi ha una borsa meno abbondante di immergere la punta dei piedi nelle delizie di questa regione sacra.

Quindi anche in Borgogna come anche in Italia bisogna sapere trovare il valore soprattuto fra i produttori fuori dalla lista dei pesi massimi.