I preferiti dalla critica di quest’anno provengono da regioni che tradizionalmente sono considerate minori.

Mentre l’anno volge al termine, molte pubblicazioni hanno pubblicato la loro copertura dei vini dell’anno.

Uno dei primi critici ad annunciare i propri vini preferiti nel 2020 è stato James Suckling, che ha scelto l’argentino Chacra Pinot Noir Patagonia Treinta y Dos 2018 come suo vino dell’anno.

Venerdì scorso, Wine Spectator ha anche rivelato la sua selezione, con lo spagnolo Marques de Murrieta, Castillo Ygay Gran Reserva Especial 2010, al primo posto.

Ieri, Jeb Dunnuck ha rivelato le sue prime 100 scelte nel 2020: il suo vino preferito viene dal Rodano.

Il Domaine de la Vieille Julienne di Chateauneauf-du-Pape, Les Hauts Lieux 2018, ha ricevuto 97 punti dal critico, che lo ha descritto come una “bottiglia di vino paradisiaca”.

Dunnuck ha scritto nella sua nota di degustazione: “Possedendo una ricchezza corposa, una consistenza eterea e senza soluzione di continuità, tannini ultrafini e un’acidità ben integrata, è un vino più strutturato rispetto a Les Trois Sources e beneficerà di 2-3 anni di affinamento in bottiglia ed evolverà per 15 anni o più “.

Il mercato dei vini del Rodano ha iniziato ad ampliarsi negli ultimi anni, con la domanda per la regione in costante aumento.

La top ten di Dunnuck include tre vini da 100 punti provenienti dagli Stati Uniti, una regione che ha più che triplicato la sua quota di mercato nel 2020 (dal 2,3% nel 2019 al 7%).

Anche due vini di Bordeaux 2017, la terza annata più scambiata in volume su Liv-ex nel 2020, sono entrati nella top ten.

Interessante per noi appassionati avere per il 2021 un occhio di riguardo sulle opportunità che Spagna Rodano e Usa ci concederanno.

Forse i vari affari verranno da queste tre regioni nel 2021.