L’ampliamento del mercato dei vini pregiati è continuato per tutto il 2020, con il numero di vini distinti scambiati che ha superato 10.000 per la prima volta in un solo anno solare.

Si tratta di un aumento del 38% rispetto ai record stabiliti nel 2019.

Riflettendo l’ampliamento del mercato, i primi dieci vini più scambiati in valore nel 2020 provengono da quattro regioni: Italia, Bordeaux, Champagne e Stati Uniti.

L’annata 2013 di Giacomo Conterno Barolo Riserva Monfortino (WA 98-100, JS 99, AG 99), che attualmente ha un prezzo di mercato di £ 8.196 per 12 × 75, ha preso il primo posto.

I Super Tuscans Sassicaia 2017 e Tignanello 2016 si sono classificati rispettivamente al sesto e al nono posto.

Anche le annate di Champagne 2008 e 2012 acclamate dalla critica hanno avuto un posto di rilievo nelle classifiche.

Dalla Napa Valley, dove la quota di scambio in valore ha raggiunto il 3,5% nel 2020, Lisa Perrotti-Brown MW da 100 punti e Harlan Estate 2016 di James Suckling sono entrati nella top ten.

 

 

 

 

Solo due anni fa, i primi dieci più grandi riser dell’indice Liv-ex 1000 provenivano dalla Borgogna.
Quest’anno, la lista è stata dominata dall’Italia e comprende due vini di Bordeaux, due di Champagne, uno di Chateauneauf-du-Pape e uno di Spagna. I vini italiani che hanno guidato la carica sono tutti Super Tuscans.
Le migliori performance di Bordeaux sono arrivate dalle annate migliori: 2010 e 2009. Vega Sicilia Unico 2008 è un “trionfo per le condizioni dell’annata”, secondo Luis Gutierrez di Wine Advocate (96).