Monica Larner nel suo ultimo report ha analizzato l’annata 2017 di Barolo e ha trovato i vini  difficili da leggere, a volte privi di chiarezza e nel complesso più volubili. Ancora più importante, ha trovato le caratteristiche classiche che distinguono villaggio da villaggio e cru da cru per essere nebulose.

La stagione di crescita ha visto condizioni meteorologiche estreme, con gelate devastanti a metà aprile. L’ondata di freddo ha distrutto i raccolti di molti dei siti a bassa quota dove di solito non si coltiva il Nebbiolo ma dove si pianta invece Barbera o Dolcetto. In ogni caso, il gelo ha costretto una riduzione delle rese con alcuni viticoltori che hanno riportato una perdita del 20% o addirittura del 30% dei loro raccolti.

Più problematiche, tuttavia, sono state le temperature torride e le condizioni simili alla siccità osservate per gran parte dell’estate. Il calore ha accelerato la maturazione e la mancanza di umidità ha guidato la concentrazione fenolica.

Di conseguenza, i tannini del 2017 spiccano maggiormente. Sono spesso astringenti e altrimenti impossibili da ignorare.

Secondo Monica Larner l’annata 2017 è di medio peso nella consistenza e un po’ addomesticato nella persistenza.

L’acidità naturalmente elevata del Nebbiolo, tuttavia, contribuisce notevolmente alla freschezza dei vini ed è un bene importante se si considera la longevità media e, in alcuni casi, a lungo termine di queste bottiglie.

In generale, la maggior parte di questi vini piuttosto accessibili sono pronti per essere bevuti a breve o medio termine, e le raccomandazioni di invecchiamento medio vanno secondo la critica americana fino al segno di 20 anni, con alcuni fino a 30 anni dalla data di vendemmia.

La vendemmia 2017 è avvenuta con circa due o tre settimane di anticipo rispetto ad un’annata media (fine settembre), e questo precoce calendario ha privato il Nebbiolo di ciò che ama più di ogni altra cosa: un lungo periodo vegetativo contato lentamente nei mesi dalla fioritura raccogliere. Più a lungo il Nebbiolo sano può rimanere in pianta, più la varietà rende in termini di complessità aromatica e profondità di sapore.  Fortunatamente la grandine non è stata un grosso problema per il Barolo 2017; tuttavia, è stato un problema più grande per il Barbaresco 2018.

Tuttavia seconda Monica Larner i produttori hanno lavorato davvero molto bene nonostante il calore della 2017 e gli aromi di marmellata sono pochi e rari . Invece di una maturazione sciropposa, l’autrice ha scoperto un buon numero di vini che apparivano secchi, con sensazioni polverose di frutta secca, fico e prugna secca. In quei vini più friabili, le sfumature minerali assumono un ruolo maggiore, con note metalliche di ruggine o minerale di ferro.

Un effetto innegabile della calda estate 2017 è sulla gradazione alcolica. Un numero molto elevato di campioni ha superato il 15% e il 15,5% di alcol, creando alcuni risultati sbilanciati.

I migliori risultati dell’annata 2017 sono nel comune di Serralunga d’Alba  con molte di quelle note arrugginite o metalliche descritte sopra. I migliori cru del paese di Barolo, Cannubi e Brunate sono coerenti. Per fortuna, le violente grandinate che spesso si abbattono su questi vigneti non sono state un grosso problema nella stagione di crescita 2017.

Castiglione Falletto, incastonato al centro della denominazione è uscito relativamente indenne dal gelo, dal caldo e dalla siccità presenti nel 2017. I vini di questo comune esprimono la loro consueta nitidezza e definizione appuntita.Stessa cosa per Monforte d’Alba, Novello e Verduno.

Situazioni più difficili per Barolo e La Morra.

Questo ultimo report di Monica Larner include un buon numero di campioni di Barbaresco 2018. La sfida più grande in questa annata è stata la grandine e le piogge violente che hanno devastato i raccolti in alcuni dei siti collinari più esposti. Nel complesso, l’annata si registra molto più fresca rispetto al 2017, e di conseguenza la stagione vegetativa è stata più lunga, estendendosi fino ai primi 10 giorni di ottobre.

Ecco alcuni punteggi interessanti di questo report di Monica Larner :

Barolo Bartolo Mascarello 2017 : 96/100

Barolo Cannubi Burlotto 2017 : 97/100

Barolo Monvigliero Burlotto 2017 : 97/100

Barolo Gaja Sperss 2017 : 96/100

Barbaresco Riserva Asili 2016 Produttori del Barbaresco : 97/100

Barbaresco Riserva Montefico 2016 Produttori del Barbaresco  : 97/100

Barbaresco Riserva Montestefano 2016 Produttori del Barbaresco  : 98/100

Barbaresco Riserva Muncagota 2016 Produttori del Barbaresco  : 96/100

Barbaresco Riserva  Ovello 2016 Produttori del Barbaresco : 96/100

Barbaresco Riserva Pajè 2016 Produttori del Barbaresco : 95/100

Barbaresco Riserva Pora 2016 Produttori del Barbaresco : 95/100

Barbaresco Riserva Rabaja 2016 Produttori del Barbaresco : 98/100

Barbaresco Riserva  Rio Sordo 2016 Produttori del Barbaresco : 96/100