Qualche giorno fa sulla rivista Terroir Sense è uscito la classifica dei migliori vini italiani del 2020 secondo Ian D’Agata.

Questo famoso giornalista ha lasciato anni la rivista Vinous di Antonio Galloni fondando appunto Terroir Sense, sito web inglese e cinese su cui pubblica i propri scores.

Ian D’Agata non ha il prestigio di Gallini o Parker ma le sue recensione hanno comunque un peso e questa classifica sui migliori vini italiani del 2020 è interessante soprattutto per il vino che mette al vertice di questa speciale classifica.

Al primo posto infatti Ian d’Agata inserisce il Barbaresco Riserva Asili Etichetta rossa di Bruno Giacosa 2016.

Ecco quello che scrive il giornalista su vino piemontese :

Rosso brillante con un bordo chiaro. Profumato in modo esplosivo, sfaccettato ed estremamente complesso, con una personalità di ciliegia rossa e spezie dolci di profondità e complessità non comuni. La cosa più impressionante è la consistenza setosa e liscia che è abbastanza diversa da qualsiasi altro vino Barbaresco o Barolo che assaggerai quest’anno. Questo è un vino assolutamente superbo che induce il silenzio nella stanza: con questo intendo che chiunque abbia la fortuna di assaggiarlo rimarrà inevitabilmente sbalordito in ammirazione e senza parole. È anche un vino che renderebbe orgoglioso Bruno Giacosa. A proposito della figlia di Bruno  la conosco da qualcosa come quindici-vent’anni e come tutte le volte precedenti prima di questa, degustare questi vini in compagnia di lei e di chi li produce è un ricordo che custodirò. Finestra per bere: 2029-2056.”

 

Per noi investitori in vini pregiati è interessante vedere il grafico di Liv Ex. Ricordiamo anche che il 100/100 di Ian D’Agata segue al 100/100 di James Suckling.

 

Continuiamo con la classifica dei migliori vini italiani di Terroi Sense.

 

2. Giacomo Conterno – Barolo Monfortino Riserva 2014 – 97/100

“Un altro maestoso Monfortino in divenire, frutto di un’annata difficile, ma poi Monfortino ha un track record di eccellenza nelle annate difficili (ricordate lo splendido 2002). Ciliegie rosse, spezie dolci ed erbe aromatiche accolgono il naso e il palato, con una solida spina dorsale di tannini nobili e acidità equilibrata che estendono gli aromi ei sapori stratificati sul finale molto soave e molto lungo. Questo è assolutamente superbo e l’ennesima testimonianza dell’abilità e dell’intuizione di Roberto Conterno come vignaiolo sans-pareil. Quest’anno Conterno ha anche lanciato una nuova linea di bicchieri da vino in cristallo di alta qualità che sono straordinariamente bravi a persuadere gli aromi ei sapori dei vini Nebbiolo mostrandoli a pieno effetto: devi provarli proprio come ho fatto io (in più prove di gusto a confronto con altri noti marchi di calici da vino e non solo con i vini Nebbiolo, ma anche con i Riesling tedeschi, per esempio) e vi garantisco che verrete via credenti. Finestra per bere: 2027-2045.”

3. Le Ragnaie – Brunello di Montalcino Vecchie Vigne 2015 – 97/100

“Questo vino di classe è straordinariamente puro, ultra morbido e soave, con aromi e sapori sia di bacche scure che rosse, erbe e cacao che durano e durano. Un raggio laser penetrante di freschezza minerale contribuisce a dare l’impressione di lunghezza e precisione senza fine. Le Ragnaie non delude mai ed è davvero uno dei primi 10 produttori di vini Brunello oggi, producendo vini Sangiovese fedeli al tipo che parlano del terroir di Montalcino. Finestra per bere: 2025-2050.”

4. Montevertine – Le Pergole Torte 2017 – 97/100

“Sfaccettata e sensuale, questa è l’ennesima imponente Pergole Torte (il nome del vino significa “baldacchini loschi o traballanti”, un riferimento all’aspetto traballante delle vecchie viti da cui il vino era originariamente prodotto). In linea con l’annata relativamente calda (ma meno con l’inclinazione stilistica dei vini di Radda, che normalmente esemplificano la sezione del clima più fresco della denominazione Chianti Classico), la torta Le Pergole 2017 offre un sorso disinvolto di Sangiovese ricco di fascino precoce. Martino Manetti e il suo team hanno prodotto un altro vino degno di una cantina seria (e non perdetevi le uscite della tenuta quest’anno di Montevertine e Pian del Ciampolo, poiché anche entrambi i vini sono eccezionali). Finestra per bere: 2023-2035″

5. Musso – Barbaresco Riserva Pora 2015 – 97/100

“Rosso brillante medio. Aromi e sapori speziati di frutta rossa profumati sono complicati da spezie dolci, con note soave di ciliegia rossa e bacche rosse oltre a una delicata erbacea che aggiunge ulteriore complessità al finale. Come un cocktail ai frutti rossi con alcool e un po ‘di vaniglia di quercia. Vino fantastico. Finestra per bere: 2023-2045.”

6. Roagna – Barbaresco Pajè Vecchie Viti 2016 – 97/100

“Per quanto lo siano il Barolo Pira Vecchie Viti di Roagna e il forse anche migliore Crichet Pajè 2012, era semplicemente impossibile trascurare la qualità di questo vino, che mette in mostra tutta la grandezza di cui è capace il Barbaresco. Una riduzione di minerali, rose rosse, ciliegie rosse, gelatina di lamponi, canfora e lavanda, questo vino lucido e molto profondo è così buono che ti lascerà senza parole. E nonostante il mio riconosciuto dono per la parlantina, è esattamente quello che è successo a me dopo averlo assaggiato! In effetti, questo è uno dei migliori vini Barbaresco che ho assaggiato negli ultimi trent’anni, quindi bravo Luca! Finestra per bere: 2026-2045.”

7. Salicutti – Brunello di Montalcino Piaggione 2015 – 97/100

“Un vino meraviglioso che offre una sensazione concentrata ma raffinata di ciliegia rossa, succo di fragola, riduzione di rosa rossa, viola e sfumature di spezie dolci al naso e in bocca. Vanta un equilibrio e una purezza eccezionali, con aromi e sapori vivaci che persistono a lungo sul finale soave. La Tenuta Salicutti si trova nel settore sud-orientale di Montalcino, tra il comune di Montalcino stesso e la sottozona Castelnuovo dell’Abate, quindi non a caso il vino è contraddistinto da una carnosità tipica dei vini prodotti nei pressi di quest’ultimo comune, ma il Il terroir che Salicutti è benedetto è tale che i vini non sono mai sopra le righe. Finestra per bere: 2025-2040.”

8. San Giusto a Rentennano – Percarlo 2016 – 97/100

“Vino potente e profondo, ma allo stesso tempo raffinato e morbido, questo Percarlo è caratterizzato da spezie e legno di sandalo che complicano aromi e sapori di frutti rossi nobilmente maturi, dolcemente speziati. Sussurri di viola candita, liquirizia e tabacco da pipa dolce persistono piacevolmente sul lungo back end giovanile e gommoso. Questo dovrebbe dimostrare di essere un corridore di lunga distanza e invecchiare molto bene. Finestra per bere: 2025-2040.”

9. Tenute Sperino – Lessona Riserva 2015 – 97/100

“Penetrante, profumato e preciso, questo vino Nebbiolo brillantemente minerale e floreale offre una generosità di aromi e sapori di ciliegia rossa matura e frutti di bosco che sono difficili da dimenticare. Vellutato e profondo, questo vino è un paradigma di ciò che il Nebbiolo può offrire con un clima più fresco in questo giorno e nell’era del cambiamento climatico. Un vino superbo, Lessona non può essere migliore di questo. Il proprietario Luca De Marchi è uno dei produttori di vino più talentuosi d’Italia e produce ottimi vini da almeno un decennio. Da non perdere i suoi vini (l’Uvaggio è un’alternativa meno costosa alla Lessona, ma è quasi altrettanto buono, e il Cabernet Franc fatto qui è da meravigliarsi (soprattutto negli anni un po ‘più caldi). Finestra per bere: 2025- 2050.”

10. Aldo Conterno – Barolo Romirasco 2016 – 96/100

“I tre fratelli Conterno che guidano la famosa tenuta Aldo Conterno a Barolo possono essere orgogliosi di ciò che hanno ottenuto con questo e altri loro vini usciti nel 2020. Un vero grand cru per il Nebbiolo (e avverto i lettori che non uso il termine grand cru con la generosità di altri), Romirasco ancora una volta ha consegnato un vino memorabile di massima purezza e precisione. Un sito già famoso nel XIX secolo per la qualità dei suoi vini, il Barolo Romirasco di Aldo Conterno trasmette sempre il senso del luogo del Nebbiolo con una precisione laser, mentre parla anche della zona della Bussia di Monforte d’Alba. In poche parole, terroir. Finestra per bere: 2029-2051.”

 

Dati e spunti presi dall’articolo originale in lingua inglese apparso su Terroir Sense

Grafico e dati presi da Liv- Ex