L’importanza dei vini californiani nel mercato dei vini da investimento

Quanto sono importanti i vini californiani a nel mercato dei vini pregiati di oggi? Ottime annate e punteggi alti hanno rafforzato l’immagine internazionale dei vini californiani.

Dall’inizio dell’anno, la California è la regione del vino pregiato con il punteggio più alto dalla critica internazionale, con un gran numero di vini da 100 punti.

Finora nel 2021, la California ha conquistato una quota a valore del 7% del mercato dei vini pregiati, contro una quota in continua diminuzione di Bordeaux.

Dopo i grandi sorrisi di Borgogna i suoi migliori vini comandano il secondo prezzo più alto. La domanda continua ad aumentare, dal Regno Unito, dagli Stati Uniti e dall’Europa, così come i prezzi: l’indice California 50 ha raggiunto il suo livello più alto di sempre nel luglio 2021, dopo essersi apprezzato del 38% nell’ultimo mezzo decennio.

Produttori come Inglenook, Stag’s Leap e Robert Mondavi hanno gettato le basi per l’emergere di marchi di culto, ma è stato Screaming Eagle a cambiare le cose, stabilendo la formula per il successo che molti hanno seguito.

Piccoli volumi (spesso sotto le 600 casse), passaparola che si traduce in una domanda elevata e prezzi alle stelle. Punteggi di 99-100 punti da parte di importanti critici, come Robert Parker, hanno spinto i prezzi a livelli incredibili.

La prima annata di Screaming Eagle, la 1992 pubblicata nel 1995, ha ricevuto 99 punti da Parker ed è diventata uno dei vini più celebri e costosi della Napa Valley.

La maggior parte del vino californiano che attrae il mercato secondario è rosso; pari al 97,4% della quota di mercato statunitense in valore finora nel 2021. Tuttavia, anche Sauvignon Blanc e Chardonnay stanno trovando acquirenti. Oakville, Napa e Sonoma Coast potrebbero essere solo le aree viticole americane da tenere d’occhio per i bianchi di qualità nel prossimo futuro.

Il numero dei vini californiani scambiati su Liv ex e fra i mercanti di vino è in crescita .

 

La California costituisce la maggior parte della quota commerciale degli Stati Uniti in valore, il 99,5% nel 2021.

È stato quindi il principale motore dell’influenza sempre crescente degli Stati Uniti sul mercato del vino pregiato.

Il grafico sotto  mette le cose in una prospettiva più ampia.

La quota commerciale degli Stati Uniti in valore è aumentata dallo 0,1% nel 2010 all’8,2% finora nel 2021. Ha eroso quote a regioni che tradizionalmente dominavano il commercio del mercato secondario come Bordeaux, che è scesa dal 95,8% del commercio totale nel 2010 a 37,8 % da inizio anno.

Da dove viene la domanda?

Secondo il Californian Wine Institute, i principali mercati di esportazione per i vini della California nel 2020 sono stati il Canada (424 milioni di dollari), il Regno Unito (236 milioni di dollari) e l’UE (191 milioni di dollari).

Sul mercato secondario, la domanda di acquisto di vino californiano è stata storicamente guidata dal Regno Unito. Nel 2019, i compratori del Regno Unito hanno rappresentato il 64% del valore commerciale del vino californiano. Questo è sceso al 46% da inizio anno, in parte a causa di un mercato statunitense emergente, che ha preso un altro 38% nel 2021.

Gli Stati Uniti sono stati a lungo un venditore attivo di vino californiano, contribuendo al suo fascino globale. Ora, le aziende vinicole statunitensi stanno emergendo come acquirenti attivi anche sul mercato secondario.

Nel frattempo, la quota dell’Asia ha continuato a diminuire, dal 18% nel 2019 al 9% finora quest’anno, in parte a causa del rallentamento economico in corso in Cina e Hong Kong, e a causa dei dazi applicati ai vini statunitensi.

Ma quali sono i vini californiani più scambiati nel 2021?

Domina di gran lunga Screaming Eagle, ma una folta schiera di nomi importanti segue come  Harlan Estate, Opus One, Dominus, Scarecrow, Colgin, Joseph Phelps e Sine Qua Non.

La performance dei prezzi del mercato secondario della California, tuttavia, è stata caratterizzata da bassa volatilità e aumenti lenti ma costanti negli ultimi 18 anni. Nel luglio 2021, l’indice California 50 ha raggiunto il massimo storico a 320, dopo essere cresciuto dell’8,7% quest’anno.

L’indice California 50 tiene traccia dei movimenti di prezzo delle ultime 10 annate fisiche attraverso cinque dei marchi più scambiati (Dominus, Opus One, Harlan, Ridge e Screaming Eagle). È aumentato del 220% da dicembre 2003.

Ridge Monte Bello è l’etichetta di vino californiana più performante. Negli ultimi cinque anni, l’indice Ridge è cresciuto del 76,6%, contro il 40,7% di Screaming Eagle, il 36,6% di Opus One, il 33% di Dominus e il 23,4% di Harlan, che è stato il più lento a salire.

Ridge Monte Bello è l’unico vino di Santa Cruz nell’indice e il più conveniente tra i cinque marchi che compongono l’indice California 50.

Anche la sua produzione è bassa rispetto ai bordolesi o alle migliori etichette italiane (circa 3.000 casse), contribuendo all’apprezzamento del prezzo. Le tradizionali dinamiche della domanda e dell’offerta, insieme all’alta qualità a prezzi più bassi, hanno fatto sì che Ridge avesse spazio per crescere.

Negli ultimi anni, tuttavia, siccità e incendi senza precedenti hanno messo un punto interrogativo sul futuro della California come regione vinicola.

Cantine e vigneti sono stati distrutti da incendi e raccolti contaminati dal fumo. Anche il costo dell’acqua è in aumento, accumulando la pressione finanziaria su numerose operazioni in tutto lo stato, non solo quelle colpite dagli incendi.

Gli incendi del 2020 si sono rivelati particolarmente devastanti. C’è un elenco in costante crescita di aziende, tra cui Colgin e Schrader, che hanno già annunciato che non produrranno alcun vino da quell’annata.

L’esatto impatto di questi rischi naturali sul mercato secondario è meno chiaro, ma i produttori in California stanno affrontando le sfide del cambiamento climatico i cui effetti sono destinati ad avere ripercussioni a catena per il commercio e i collezionisti in ogni fase.

Dopo anni di marginalità ora i vini californiani sono in primo piano nel mercato dei vini da investimento.

Moderna e brillante, la regione non perderà il suo slancio tanto presto.

Le cantine cult dominano i livelli più alti, ma la diversità abbonda.

Poche altre regioni vinicole eccellenti offrono Pinot Nero di alta qualità e da collezione così come Cabernet Sauvignon, Chardonnay e Sauvignon Blanc, Zinfandel e Rhône blend.

Il mercato del vino californiano sta vivendo una massiccia espansione.

La California è ben preparata per la crescita futura nel mercato secondario e mostra pochi segni di rallentamento.

 

 

spunti e grafici presi dall’articolo originale apparso su Liv Ex