Bentornata America. Il 5 marzo, l’ufficio del rappresentante commerciale degli Stati Uniti (USTR) e l’UE hanno rilasciato una dichiarazione congiunta in cui si afferma che ci sarebbe stata una sospensione reciproca di quattro mesi delle tariffe relative alla controversia Airbus-Boeing.

Una volta scomparsi i dazi  del 25% sui vini dell’UE, gli acquirenti statunitensi si sono affrettati a spostarsi, tornando sul mercato per sfruttare questa finestra di opportunità.

Il commercio dei vini pregiati da investimento degli Stati Uniti in valore è aumentato del 105,5% rispetto alla media dei due mesi precedenti. Anche altre regioni di acquisto sono state attive e il valore del commercio è aumentato del 15,8% (Regno Unito), del 26,5% (Asia) e del 32,7% (Europa).

Il Bordeaux era una regione saldamente sotto i riflettori poiché le recensioni in bottiglia sull’annata 2018 sono state pubblicate da Antonio Galloni e Neal Martin di Vinous insieme a Lisa Perrotti-Brown MW di Wine Advocate e Jeb Dunnuck di JebDunnuck.com.

Nuovi record del mercato del vino

Con così tanta attenzione concentrata sul mercato questo mese, il numero di etichette scambiate è cresciuto ancora una volta. Più di 1.400 vini diversi sono passati di mano a Marzo, un aumento del 16,4% rispetto a novembre 2020, il precedente record mensile.

Questa rinnovata attività ha portato il Liv-ex Fine Wine 100 in aumento dell’1,62%, per chiudere a 327,91. Questo è il decimo mese consecutivo di guadagni dell’indice ed è aumentato del 10,7% in quel periodo.

Il più grande balzo dell’indice è arrivato dal Rodano, Châteauneuf-du-Pape Hommage J Perrin 2012 di Beaucastel, in crescita del 14,5%.

Anche i Super Tuscans hanno visto molti movimenti verso l’alto.

Masseto 2014 ha guidato, in crescita del 9,6%, seguito da Tignanello 2016 (7,6%), Sassicaia 2015 (6,0%), Tignanello 2015 (5,1%) e Ornellaia 2015 (4,2%).

Mentre quasi il 75% dei vini nell’indice ha registrato aumenti, ci sono stati alcuni cali. Brovia, Barolo Villero 2013, Comte de Vogüé, Musigny Vv 2014 e Ornellaia 2013 sono andati in discesa.

Dati e spunti presi dall’articolo originale in lingua inglese apparso su Liv Ex