Il mese di giugno ha visto l’inizio e la fine della campagna compressa degli En Primeur  2019 di Bordeaux .

La campagna è stata, nel complesso, considerata un successo, con alti volumi scambiati sebbene i prezzi rispetto ai 2018 siano scesi mediamente du un 25%.

Il rinnovato vigore dato dell’En Primeur di Bordeaux non è stato sufficiente ad aumentare la quota di mercato della regione che è scesa di nuovo al di sotto del 50% degli scambi in valore – 47,1% per la precisione.

Il commercio di Primeur rappresentava il 18,5% degli scambi in valore e il 14,8% in volume per la regione.

I prezzi dei fine wines sono aumentati nel corso del mese, anche se di poco, poiché la maggior parte degli occhi si è concentrata esattamente sulla versione più recente.

La Liv-ex Wine Fine 100 è scesa dello 0,22% a 295,59, lasciando l’indice in calo del 2,3% per la prima metà del 2020. L’indice è stato aiutato da un ammorbidimento della sterlina a metà mese, ma la valuta si è rafforzata nuovamente a fine giugno.

I volumi degli scambi del mese hanno toccato il massimo annuale stabilito nell’aprile di quest’anno e diversi LWIN11 scambiati sono saliti a un nuovo record (1.559 vini con vendemmia).

Gli acquisti con sede in Asia sono stati i più attivi da gennaio, Capodanno pre-cinese e l’inizio del blocco globale.

Con la prima metà del 2020 alle spalle, Liv-ex pubblicherà una serie di blog che evidenziano le tendenze degli ultimi sei mesi.

Nonostante le difficili sfide (anche se quelle più dure  devono forse ancora presentarsi sotto forma di Brexit e tariffe statunitensi) i Fine Wines hanno dimostrato una forte copertura contro la volatilità dei mercati finanziari globali.

Questa è un’ottima notizia.

Come dire, in mezzo ad una burrasca, qualcuno riesce a stare a galla e a non affondare.