In una delle sue stime più cupe, Liv-ex, la piattaforma londinese per il commercio di vini pregiati, ha avvertito che con la crescita economica in calo e le incertezze politiche della Cina, il suo fascino per i commercianti di vino globali è svanito e il paese “non correrà in soccorso del commercio mondiale di vino in tempi difficili che ci attendono”.

Gli investimenti nel vino pregiato nella regione dell’Asia del Pacifico sono stati notevolmente ridotti, influenzati dalla rigorosa politica zero covid della Cina e dalle incertezze politiche, e poiché il presidente Xi Jinping si assicura un terzo mandato ci si immagina che questa polita prosegua.

La continua chiusura delle frontiere con Hong Kong, il suo principale fornitore di vini pregiati, è descritta come “senza dubbio la ragione principale” per cui i vini scambiati sul mercato secondario hanno subito un duro colpo quest’anno.

 

 

Di conseguenza, il punto di vista sulla Cina oggi sembra più fondato, scrive Liv-ex. “Molti di coloro che hanno tentato la fortuna in Cina all’inizio degli anni 2010 hanno trovato le loro speranze deluse. Come molti hanno notato, era ed è un mercato per coloro che adottano un approccio a lungo termine”, continua l’intervistato.

Dal 2010, la grande Cina è rimasta importante per il mercato mondiale del vino, ma la conseguente repressione della corruzione da parte della Cina e il più recente crollo delle esportazioni di vino australiane a causa della sua eccessiva dipendenza dalla Cina hanno dimostrato che “il mondo del vino non è più colpito dalle stelle” dal Paese”, scrive Liv-ex.

Pertanto, “è giunto il momento per gli altri mercati asiatici di brillare e, forse, per l’inizio di un nuovo ciclo in Asia”.

Tutto questo potrebbe avere un impatto momentaneo negativo ma può aprire molte speranze per il futuro.

 

Altri mercati asiatici

Uno dei grandi mercati che potrebbe emergere ancora di più è Singapore, secondo Liv-ex.

“Singapore potrebbe non essere alle porte della Cina continentale, ma è un hub chiave per la base crescente di collezionisti nel sud-est asiatico. La sua stessa valuta è anche legata al dollaro USA, il che le dà una potente spinta in questo momento critico”, scrive.

Il Giappone è stato un mercato coerente e prezioso per la Borgogna e lo Champagne, mentre la Corea del Sud è emersa come uno dei mercati in più rapido sviluppo per i vini pregiati.

 

Trends

Poiché il commercio di vini pregiati nel mercato secondario asiatico si allarga e si diversifica, la tendenza più ovvia che si è verificata nel mercato è stata il declino di Bordeaux e l’ascesa della Borgogna.

Al culmine della domanda di Bordeaux nel 2011, la regione rappresentava il 95,2% del commercio del mercato secondario in Asia.

Tuttavia, da allora (e in linea con altri mercati globali) la domanda di Bordeaux è diminuita. Oggi rappresenta solo il 35,9% della domanda asiatica (al 30 settembre 2022), osserva Liv-ex.

Il grande beneficiario di questo cambiamento è stata la Borgogna, che è passata da meno del 5,0% degli acquisti in Asia dieci anni fa, al 37,3% di quest’anno.