Domaine Faiveley nel mercato del vino pregiatoPrendo spunto dall’ultimo articolo di William Kelley per Robert Parker pubblicato il 6 Agosto che mi sembra molto importante per iniziare a pensare che nei prossimi tempi anche il Domaine Faiveley dopo il suo cambio di stile potrebbe diventare interessante per noi investitori in vino. Conviene tenerlo d’occhio.

Nessuna dei Domaine della Borgogna ha subito un’evoluzione più radicale negli ultimi anni di Faiveley. Da quando Erwan Faiveley è succeduto a suo padre François nel 2005, ha intrapreso una corsa all’acquisto, acquisendo proprietà a Puligny-Montrachet, Gevrey-Chambertin e altrove.

Le tenute Domaine Faiveley ammontano ora a circa 125 ettari, che rappresentano circa l’80% della produzione della famiglia. Con l’annata 2007, Erwan e il direttore tecnico Jérôme Flous hanno anche avviato un cambiamento stilistico totale, inaugurando una nuova estetica più morbida e soave in un indirizzo che era diventato famoso per i vini rossi saturi, estratti e talvolta brutalmente tannici. Nel 2014, la sorella di Erwan Eve si è unita alla squadra, entrambi i fratelli evidentemente condividono la stessa visione.

Questa degustazione dell’emblematico Clos des Cortons Faiveley del Domaine ha dimostrato quanto questo nuovo stile sia stato realizzato con successo sin dall’inizio. Tutti i vini qui recensiti sembrano non aver perso nulla in profondità, concentrazione o potenziale longevità rispetto ai Faiveley Burgundies di un tempo, ma i loro tannini raffinati, gli acidi integrati e la patina di classe del rovere nuovo li rendono molto più affascinanti ed eleganti, senza eccessi di struttura del tannino di botte ad oscurare le firme di vista e vintage. Per un assaggiatore, questo deve essere considerato non solo come un cambiamento ma come un miglioramento.

Per molti anni, il Clos des Cortons Faiveley è stata la cuvée di punta della famiglia. Joseph Faively acquistò questo lotto di 2,76 ettari, un’enclave all’interno del lieu-dit Le Rognet et Corton che domina il villaggio di Ladoix, nel 1874. Gli atti di vendita descrivono questo lotto come il Clos des Cortons, ei suoi vini sono sempre stati venduti con quel nome . Negli anni ’30, per evitare confusione con la collina degli altri lieux-dits di Corton, i tribunali di Digione ribattezzarono il lotto Clos des Cortons Faively, rendendo questo sito uno degli unici due grand cru che includono un nome di famiglia nella loro denominazione: l’altro è Romanée-Conti.

François Faiveley, che ha diretto l’azienda dal 1976 al 2005, ha prediletto le lunghe macerazioni e produce vini tannici dal colore intenso. Evitando la filtrazione, alcune delle sue migliori cuvée sono state imbottigliate a mano, direttamente dalla botte. Il fatto che lo stile di François fosse tanto estratto ha molto a che fare con il suo sistema di raffreddamento del mosto prima della fermentazione, che vedeva il frutto diraspato pompato attraverso uno scambiatore di calore durante il tragitto verso il serbatoio. Mentre questo permetteva una macerazione prefermentativa fresca, significava anche che tutti gli acini erano stati completamente pigiati, e quando la fermentazione avveniva era calda e violenta.

Quando la vinificazione della casa è stata reinventata nel 2007, tutto questo è cambiato. La cantina è stata adattata al funzionamento per gravità, quindi i mosti non venivano più pompati attraverso uno scambiatore di calore. Le fermentazioni sono diventate più lente e più fresche. E anche la scelta delle botti di rovere è stata raffinata, enfatizzando le selezioni moderatamente tostate e di lunga stagionatura di alcune botti, tra le quali spicca la Tonnellerie Taransaud. Il Clos des Cortons Faiveley in particolare trascorre 18 mesi in barriques nuove al 50%.