Dopo un 2020 stellare sul mercato secondario, l’Italia ha rallentato nel 2021.
Ma diversi vini dell’indice Italy 100 sono saliti di oltre il 30%.
Bartolo Mascarello Barolo e Giacomo Conterno Barolo Francia entrano a far parte dell’indice Italy 100.

I prezzi del vino italiano sono aumentati dell’11,5% nel 2021

L’Italia ha avuto un 2020 stellare sul mercato secondario. La regione ha beneficiato dell’aumento degli acquisti negli Stati Uniti a causa della sua esclusione dai dazi del 25%. Anche il plauso della critica ha avuto un ruolo, poiché le forti campagne di Barolo ’16 e Brunello ’15 hanno catturato l’attenzione del mestiere.
Ma con la rimozione dei dazi all’inizio del 2021, altre regioni hanno rapidamente preso slancio, superando alla fine l’Italia.
Mentre i prezzi di tutte le regioni vinicole sono aumentati lo scorso anno, l’indice Italy 100 è stato in realtà uno dei più lenti, con un aumento dell’11,5%. Come mostra il grafico sottostante, era solo di poco superiore a Bordeaux 500 (9,2%) e Bordeaux Legends 40 (10,6%).
Al contrario, tra gennaio e novembre 2021, il Borgogna 150 e lo Champagne 50 sono aumentati rispettivamente del 27,2% e del 33,8%.

Tignanello ha dominato i price performer italiani

Tuttavia, alcuni vini dell’indice Italy 100 hanno registrato aumenti di prezzo impressionanti. La migliore performance è stata Gaja Barbaresco 2010, in rialzo del 64,4%.
Ma è stato il Super Tuscan Tignanello a dominare la lista dei traslocatori. Sette delle sue annate sono state tra i primi 10 rialzisti italiani, con il 2017 che è stato il rialzo maggiore, con un aumento del 43%.
Come mostrato nel grafico sottostante, tre annate di Tignanello hanno sovraperformato l’indice Italy 100 nel 2021.