Liv ex analizza un argomento a mio parere molto interessante.

I canali e le modalità di acquisto dei grandi mercanti di vini pregiati internazionali.

Lo studio fatto dalla più grande piattaforma mondiale di interscambio di vini è molto interessante.

Quasi il 50% degli acquirenti commerciali intervistati afferma che l’approvvigionamento di vino direttamente dai produttori è la loro opzione preferita. Questo canale soddisfa i due requisiti più importanti che elencano: prezzo e provenienza. In un mercato estremamente sensibile ai prezzi, il passaggio diretto può offrire margini migliori. Allo stesso tempo, la provenienza è garantita per tali vini.

La loro seconda preferenza è acquistare da altri venditori di vino professionisti, come importatori e distributori. Sebbene questa opzione dia maggiore accesso a più vini, spesso viene a scapito di margini minori.

Al terzo posto si posiziona l’acquisto diretto su Liv ex, e per circa un terzo degli acquirenti intervistati indica Liv-ex, il mercato globale per il commercio del vino, come prima o seconda scelta per l’approvvigionamento di vini pregiati.

Al quarto posto segue l’acquisto da cantine di clienti privati.

L’acquisto all’asta è la loro (lontana) quinta via di scelta.

Sono pochi i mercanti che si fidano delle case d’asta che restano uno strumento preferito dai clienti privati.

Analizziamo adesso nel dettaglio le varie modalità.

 

1 ° ACQUISTARE DIRETTAMENTE DAI PRODUTTORI

Acquistare vino direttamente dal produttore è il metodo più antico, su cui si basa il commercio del vino e il resto della filiera.

Come rivela il nostro sondaggio, questo mercato primario rimane l’opzione più popolare tra gli acquirenti per due motivi principali: provenienza garantita e il più alto margine di profitto

potenziale.

Tagliare l’intermediario fuori dal sistema a tre livelli (produttore, distributore, acquirente) e andare direttamente – negli stati e nei paesi in cui è legale – spesso significa pagare di meno. La maggior parte dei distributori lavora con un margine di profitto del 28-30% a seconda del potere d’acquisto e delle relazioni con i produttori.

La maggior parte degli intervistati concorda sul fatto che questo canale offre loro la possibilità di discutere di prezzi e termini, coinvolgendo al contempo meno burocrazia.

Ovviamente ci sono anche delle scomodità. Un commerciante con sede a Londra sottolinea che mentre questo metodo in genere consente loro di fare più soldi, ci sono altre considerazioni in gioco come la facilità di fare affari e la velocità. Gli acquirenti che desiderano rifornirsi direttamente dal produttore spesso devono organizzare da soli la logistica, sostenendo costi aggiuntivi nel farlo.

Anche ottenere un’allocazione dello stock desiderato può richiedere molto tempo.

Ovviamente, la scelta è limitata all’offerta di ciascun produttore, il che significa che i commercianti devono lavorare con più produttori, aggiungendo più tempo e più costi al processo di acquisto.

Inoltre, alcune cantine lavorano esclusivamente con agenti e importatori.

 

2° ACQUISTARE TRAMITE INTERMEDIARI

Semplificando si può dire che la maggiore scelta ha un costo.

Il 26% degli intervistati sceglie di affidarsi ad altri professionisti del vino quando si tratta di acquistare vini pregiati.

Questa opzione offre una maggiore varietà rispetto al trattare direttamente con un numero limitato di produttori; più vini, più regioni e annate più vecchie.

Ma la costruzione di relazioni è vitale.

Un commerciante con sede a Londra ha affermato che “si tratta di creare fiducia con il fornitore”, mentre un altro intervistato ha sottolineato che “i prezzi possono essere competitivi a condizione che tu abbia un rapporto a lungo termine con loro”, aggiungendo che potrebbero persino offrire “consegna gratuita e Conservazione”.

Alcuni commercianti hanno apprezzato anche la riservatezza, la disponibilità immediata e la convenienza.

Tuttavia, gli acquirenti che cercano una gamma più ampia di vini devono essere pronti a lavorare con una gamma di fornitori e gestire molti punti di raccolta.

Qualsiasi rallentamento nella catena di approvvigionamento, come tempi di spedizione più lunghi e consegne in ritardo, può avere un impatto dannoso sul fatturato e sulla redditività.

 

Importatori e distributori

Nella maggior parte degli Stati Uniti, il modello di acquisto da un agente o importatore separato è richiesto per legge; altrove, è una scelta per la cantina lavorare con un rappresentante che distribuisce ad altri mercati.

Dal punto di vista della vendita, questo metodo offre al produttore una maggiore portata e una maggiore semplicità.

Lavorando con più clienti, gli agenti e gli importatori possono rispettivamente offrire una maggiore diversità ai loro clienti commercianti, assicurando al contempo buoni affari.

Un rivenditore francese che lo ha classificato come la loro prima scelta lo ha attribuito alla “vasta gamma di vini” offerti e ai “prezzi che consentono loro di ottenere il loro margine”.

 

Altri mercanti di vino

Il commercio B2B (acquisto da altri rivenditori) è un concetto altamente regolamentato nella maggior parte degli Stati Uniti, ma relativamente comune in Europa.

A condizione che l’acquirente conosca e si fidi del venditore, l’approvvigionamento da altri commercianti di vino può essere una buona opzione per le annate posteriori e i vini interessanti.

Tuttavia, trovare la giusta scorta al giusto prezzo può richiedere molto tempo, soprattutto in un mercato del vino pregiato in continua diversificazione.

Organizzare la logistica è un altro compito lungo e costoso, soprattutto quando lo stock desiderato proviene dall’estero o quando si ordinano su scala minore.

La maggior parte delle società di logistica ha una tariffa minima, che va da € 150 a € 250 per spedizione, indipendentemente dalle dimensioni del pacco (cioè costa lo stesso per spedire una cassa come per spedire due pallet).

Ciò rende la spedizione di piccole quantità molto costosa.

Il processo diventa sempre più difficile quando si effettua l’approvvigionamento da fornitori con sede in un continente diverso o in un fuso orario diverso, spesso portando a costi di amministrazione più elevati e tempi di spedizione più lunghi.

 

3° COMPRARE SU LIV EX

Circa un terzo degli acquirenti intervistati sceglie Liv-ex come canale di acquisto principale o secondario. Altri lo preferiscono come parte di una strategia di acquisto gratuita, ovvero andare direttamente per acquisti futuri e acquisti dal mercato globale per una più ampia gamma di vini e annate. Fiducia, trasparenza dei prezzi e diversità dei vini offerti sono le ragioni più comuni elencate dagli intervistati.

Secondo un acquirente di vini pregiati del Regno Unito, la piattaforma di trading Liv-ex offre “trasparenza, costi inferiori al mercato, logistica e pagamenti affidabili”, fornendo al contempo una “visione completa dei prezzi di mercato con informazioni approfondite sul mercato”.

I membri di Liv-ex riconoscono il fatto di ottenere informazioni esclusive sul mercato sotto forma di report mensili, opportunità live e analisi dei dati estesa. Un commerciante svizzero è stato preso anche dal “prezzo e dal gran numero di vini offerti”.

L ‘”ampiezza dell’offerta” sulla piattaforma Liv-ex è attualmente di 16.000 vini distinti . Gli acquirenti possono scegliere tra oltre 40 milioni di sterline di stock confermato, disponibile in qualsiasi momento.

A differenza di altri canali, l’acquisto su Liv-ex è completamente anonimo: tutti i membri commercianti sono trattati allo stesso modo, vedendo le stesse offerte e offerte, negoziando con discrezione.

Le condizioni del vino vengono controllate internamente nei magazzini a temperatura controllata e sicuri di Liv-ex.

I contratti standardizzati significano che gli acquirenti sanno esattamente cosa aspettarsi quando il loro vino viene consegnato. Il contratto più utilizzato (Standard-in-bond o SIB) afferma che il vino è in perfette condizioni, in garanzia e disponibile entro due settimane.

 

4° ACQUISTARE CANTINE PRIVATE  

Ricche di scoperte entusiasmanti e vini rari, le cantine dei collezionisti di vini pregiati possono rappresentare un altro canale di acquisto affidabile, anche se meno convenzionale.

La maggior parte degli intervistati che ha scelto questa opzione punta allo stesso vantaggio: prezzi competitivi, che consentono margini migliori.

Secondo un commerciante, i collezionisti privati ​​”accettano prezzi più bassi”. Un altro ci ha detto che è “facile stabilire un prezzo equo da entrambe le parti, così come la condizione e la provenienza” quando sia l’acquirente che il venditore mostrano la volontà.

Un altro vantaggio chiave è la varietà, con un intervistato che osserva che “ci sono vini nella fascia alta e bassa nella maggior parte delle cantine”. Un rivenditore francese che lavora solo con clienti privati ​​ha affermato di avere “ampio accesso alle cantine [dei clienti]”, rendendo l’acquisto “flessibile e veloce”.

La fiducia è essenziale per gli acquirenti che cercano di abbracciare questo canale, che tende ad essere meno regolamentato rispetto alle opzioni di cui sopra.

Spesso gli acquirenti potrebbero avere difficoltà a stabilire le condizioni di conservazione e la provenienza delle bottiglie in vendita. E se ci sono delle eccezioni, le cantine per clienti privati ​​sono anche più adatte all’acquisto di singole bottiglie piuttosto che all’ottenimento di grandi quantità di stock.

Gli acquirenti potrebbero anche prendere in considerazione la possibilità di consultare società di gestione del vino, specializzate nella vendita al dettaglio di vini da collezione.

 

5° COMPRARE NELLE ASTE

Le aste di vini attraverso aziende come Christie’s, Sotheby’s e WineBid sono fonti comuni di vini invecchiati e altamente desiderati.

Questo metodo ha creato un forte seguito tra i clienti privati ​​dell’Asia e degli Stati Uniti. Nel 2019, gli acquirenti di Hong Kong e degli Stati Uniti hanno rappresentato il 51% delle vendite di Sotheby’s, seguiti da Taiwan e Cina. Tuttavia, le aste si sono rivelate il canale meno popolare tra gli acquirenti professionisti di vini pregiati.

Una delle sfide quando si acquista vino all’asta è stabilire il prezzo “giusto”. I prezzi indicativi possono spesso essere infranti all’asta. Nel 2018, due bottiglie di Romanée Conti del 1945 sono state vendute rispettivamente per 558.000 dollari e 496.000 dollari, battendo tutti i record precedenti. La variazione dei prezzi d’asta è evidenziata nel grafico Lafite Rothschild 2006, che mostra i dati d’asta in verde: lo stesso giorno, un caso di Lafite Rothschild 2006 è stato venduto per £ 5.079 mentre un altro è stato venduto per £ 6.877, probabilmente a causa di differenze di condizioni.Recentemente, le aste online di vini pregiati stanno guadagnando popolarità. Secondo un articolo di Decanter, hanno più da offrire rispetto a “bottiglie grandi e costose”.

Aspettatevi “vendite più frequenti, con meno lotti e un valore complessivo inferiore per lotto (rispetto alle aste dal vivo)”. C’è anche più diversità, con gli acquirenti che trovano vini “oltre i soliti sospetti”.

Ma sia online che dal vivo, il problema più comune che circonda le aste rimane la provenienza del vino. I banditori non possono sempre verificare la validità delle affermazioni del proprietario.

Per cercare di evitare gli errori, gli acquirenti sono incoraggiati a ricercare aste passate, familiarizzare con i prezzi del mercato secondario e informarsi su lotti specifici e potenziali aste future.