Jancis Robinson  e il suo team hanno rilasciato i loro punteggi iniziali e le impressioni sull’annata del Bordeaux 2020.
Alla Rive Gauche è stato dato il dovuto plauso per essere forse la metà di maggior successo della Gironda, con più coerenza e buona freschezza.
Nonostante le condizioni di siccità, molti vini della Rive Gauche sono molto più “magri” del previsto, anche se almeno un First Growth è stato giudicato “in vantaggio” nelle annate 2019 e 2018.

Robinson e gli altri MW Julia Harding e James Lawther hanno condiviso i compiti di degustazione per il sito web quest’anno.
Dando una visione generale, è stato affermato: “Sulla base di questi campioni di botte, alcuni vini sbalorditivi sono stati prodotti nel 2020. Sulla riva sinistra, tendono ad essere realizzati da produttori che possono permettersi di essere estremamente selettivi nelle loro miscele finali . C’è anche una miriade di vini di grande successo sulla riva destra dominata dal Merlot – non tutti probabilmente saranno ridicolmente costosi, anche se non sono ancora stati resi noti i prezzi. Ma l’annata sembra generalmente meno consistente rispetto al 2019 “.

La riva destra

St-Emilion e Pomerol sono stati affrontati per primi dagli assaggiatori, perché, scrive Robinson, “in termini molto generali, questa annata più recente sembra aver avuto più successo, o almeno più consistente, lì che sulla Rive Gauche”.
Ha continuato dicendo di essersi ritrovata a “innamorarsi di nuovo di St-Emilion” negli ultimi anni e il 2020 a suo avviso continua una tendenza al ritorno alla freschezza che era evidente anche con il 2018.
“I vini sono molto più freschi ed espressivi “, ha scritto.
Non ha commentato che Pomerol non aveva assaggiato i vini, ma James Lawther ha dato a Château Lafleur un punteggio elevato di 19 dicendo che aveva “persistenza e freschezza minerale ovunque” e “enorme potenziale di invecchiamento”.

La riva sinistra

Le condizioni verso la fine della stagione di crescita nel 2020 non erano del tutto ideali per il Cabernet Sauvignon e Robinson ha scritto che la varietà su alcune proprietà non avrebbe raggiunto la piena maturazione a suo avviso.
Ha anche notato le percentuali più alte del normale di Merlot in molte miscele. La degustazione dei vini del Médoc dopo St-Emilion è stata una sorta di contrasto e ha detto che la “magrezza” di quest’ultimo in alcuni casi “è stata un vero shock”.
Ha detto che trovava Léoville Barton “assolutamente affascinante” e i vini di Graves e Pessac-Leognan “erano piuttosto coerenti”.
Julia Harding ha aggiunto anche alcuni pensieri extra. Ha scoperto che alcuni dei vini Margaux che ha provato, sebbene pieni di “intensità fruttata scura”, mancavano un po ‘del tradizionale carattere profumato dell’AOC.
Lawther ha dato due punteggi di 19 a First Growths Lafite e Margaux. Il primo, ha detto, era “profondo, intenso e maestoso” con “un potenziale incredibile”, mentre il secondo era “classico ed espressivo” e “ha decisamente una marcia in più rispetto al 2019 e al 2018”.
Ulteriori note di degustazione verranno caricate su jancisrobinson.com nei prossimi giorni.

 

Dati e spunti presi dall’articolo originale in lingua inglese apparso su  Liv Ex