Oggi è stato pubblicato il tanto atteso rapporto En Primeur del Bordeaux 2019 di Neal Martin, che comprende oltre 900 spartiti e note di degustazione, pubblicati su Vinous.

Come altri critici che hanno proceduto alla degustazione dei vini, Martin lo ha fatto in modo socialmente distanziato, dalla sua casa in Inghilterra. Nel rapporto, Martin delinea alcuni dei vantaggi e degli svantaggi della degustazione lontano da Bordeaux: il tempo di riflessione, la qualità dei campioni, i modi di interazione con i viticoltori. Martin capisce perché alcuni hanno “giustamente chiesto” perché preoccuparsi “quando la campagna è stata preceduta da una domanda apparentemente trascurabile per l’acquisto di costosi vini non finiti chiamati” futures “quando il futuro è così imprevedibile?”. Dice che “un critico enologico ha il dovere di rivedere la nuova annata indipendentemente dalle circostanze”, aggiungendo che “sembra che ci sia una domanda dei consumatori là fuori” per Bordeaux 2019.

Il rapporto esamina l’ambiente di mercato, così come la stagione di crescita, la vendemmia, la vinificazione, la qualità della vendemmia, prima di approfondire denominazioni e vini specifici.

Martin, considerato il più fidato critico EP di Bordeaux dai membri di Liv-ex, afferma che “il 2019 è un’annata meravigliosa per finire il decennio. È uno stile di vino che adoro personalmente ”. Esprime inoltre: “Non ho dubbi sul fatto che qualsiasi critica venga posta alla porta di Bordeaux, continuerà a produrre vini eccezionali, come nel 2019”.

I vini con i migliori punteggi di Martin sono ora disponibili nella tabella seguente. Mission Haut Brion, rilasciato la scorsa settimana con uno sconto del 28,6% sul suo 2018, e Pichon Lalande, atteso presto, condividono il primo posto, avvicinandosi alla perfezione. Altri cinque vini (senza prime crescite) hanno ricevuto 97-99 punti.

Tuttavia, per Martin, “un punteggio senza una nota di degustazione è solo un numero”.