Ecco a voi, cari appassionati gli indici di mercato aggiornati al 31 Agosto.

Leggeteli con attenzione perchè riassumono bene i dati in valore scambiato della situazione attuale del mercato del vino.

I macro indici nell’ultimo anno sono tutti negativi mediamente del 2-3%, tranne il Liv Ex Fine Wine 50 che fa peggio e che sconta al suo interno una maggioranza di vini di Bordeaux che sono quelli che hanno subito una flessione più consistente.

Molto interessante la situazione se si va più a fondo a vedere gli indici regionali su base annuale. Bordeaux e Borgogna perdono dal 3% al 6%, l’Italia (con l’indice delle 100 migliori etichette) è in trend positivo regalando in un anno covid un + 1,98% (dato da non sottovalutare). Lo Champagne è la regione migliore con un +4,96%.

Da questo si può dedurre l’estremo cambiamento che sta avvenendo all’interno del mercato con i grossi investitori che si stanno spostando su regioni diverse.

Credo durerà come minimo fino a fine anno questo trend e forse oltre.

Vero è che con i prezzi in discesa di Bordeaux e Borgogna potrebbe valer la pena entrare proprio in quei settori.

Buoni investimenti!