I vini de la Romanee Conti 100/100 Robert Parker

Quali sono i vini de la Romanee Conti che hanno ottenuto il massimo riconoscimento di 100/100 da Robert Parker? Quali valutazioni hanno sul mercato?

Ecco l’elenco per vostra utilità dei vini del Domaine de la Romanee Conti che hanno ottenuto il massimo riconoscimento (100/100), da Robert Parker:

 

Romanee Conti 2019, Domaine Romanee Conti: 100/100 Robert Parker

William Kelley ha scritto per Robert parker:

“Il Romanée-Conti Grand Cru 2019 è un vino che mi ha fatto venire le lacrime agli occhi. Distendendosi nel bicchiere con sentori di petali di rosa, tè nero, frutti di bosco, spezie esotiche, violette, bergamotto e liquirizia, è corposo, sensuale e avvolgente, con un ampio attacco che prosegue in un palato leggero, ma pungentemente intenso definito dall’energia e dalla precisione che colpiscono. Perfetto ed elegante, con tannini sciolti e acidi appetitosi, si conclude con un finale ampio e intensamente floreale. È un monumento in divenire.

Questa è stata una degustazione particolarmente memorabile al Domaine de la Romanée-Conti. Rivisitare i 2019 imbottigliati è stato emozionante, poiché questi sono alcuni dei vini giovani più sensuali e drammatici che abbia mai assaggiato a questo indirizzo; e anche i giovani 2020, degustati dalla botte (ad eccezione di diverse cuvée che erano state recentemente travasate), mostrano un potenziale immenso.”

 

 

Romanee Conti 2016, Domaine Romanee Conti: 100/100 Robert Parker

William Kelley ha scritto per Robert Parker:

“Il Romanée-Conti Grand Cru 2016 è un degno successore del profondo 2015, che aleggia dal bicchiere con aromi di frutti di bosco, violette, peonia, cioccolato fondente, cannella e spezie esotiche. Al palato, il vino è corposo, ampio e satinato, con un ineffabile senso di completezza, concentrazione bruciante senza peso, una linea di acidità vibrante, anzi animata, e un finale lungo ed ampio che si conclude con un tocco giudizioso di acquolina in bocca.

Vini come questo sono alla base della reputazione del Domaine de la Romanée-Conti.

 

Romanee Conti 2015, Domaine Romanee Conti: 100/100 Robert Parker

William Kelley ha scritto per Robert Parker:

“Il Romanée-Conti Grand Cru 2015 è uno degli apici di questa grande annata rossa di Borgogna, che si apre nel bicchiere per rivelare un bouquet di complessità caleidoscopica, note di lampone e prugna rossa che si mescolano a petali di rosa, peonia, arancia rossa e spezie. Al palato, il vino è setoso, di corpo da medio a corposo e straordinariamente completo, i suoi tannini estremamente eleganti interamente ricoperti da frutti rossi incontaminati e delicati. Nonostante la sua incredibile concentrazione e persistenza, questo Romanée-Conti è assolutamente senza peso, e la sua armonia senza sforzo e la finitura incessante precludono qualsiasi discussione sulla sua qualità di riferimento. Coltivata a 22 ettolitri per ettaro e raccolta il 10 settembre.”

 

 

La Tache 1999, Domaine Romanee Conti: 100/100 Robert Parker

Neal Martin ha scritto per Robert Parker:

“Degustato in una verticale di La Tâche a The Square. Non avendo assaggiato La Tâche 1999 da quando era stato imbottigliato, ero curioso di vedere come si stava sviluppando. Monumentalmente, è la risposta corretta. Prima di tutto questo è un La Tâche seriamente a lungo termine che sta maturando a un ritmo glaciale. In effetti, ho lasciato la maggior parte nel mio bicchiere e ho aspettato che si aprisse. Un’ora dopo stava sparando su tutti i cilindri. È benedetto da un naso incredibilmente intenso e potente che perde la sua cova con l’aerazione e alla fine svela un insieme cristallino di aromi minerali imbevuti che sfoggiano una nota floreale decadente, quasi esotica: violette appassite e pot-pourri. Al palato ha una struttura abbastanza sorprendente, ma è più la simmetria a fare di questa una delle più grandi annate degli ultimi anni. Si dispiega con audace passione per rivelare strati di prugna scura e frutti di ribes nero morbidi ma mirati che sembrano semplicemente fluire e fluire sul finale senza fine. È un capolavoro sfaccettato e multidimensionale che ha davvero bisogno di un altro decennio in bottiglia.”

 

Montrachet 1986, Domaine Romanee Conti: 100/100 Robert Parker

Robert Parker ha scritto :

“Questo vino continua a essere considerato uno dei vini bianchi più memorabili che abbia mai assaggiato. L’unica critica potrebbe essere il suo stile pesante. Il colore dorato chiaro è seguito da un naso che ingrandisce dal bicchiere, offrendo una fenomenale fragranza di miele, noci affumicate, frutta ricca e burrosa e rovere tostato. La viscosità, l’untuosità e il livello di estratto del vino sono sbalorditivi. Rappresenta l’essenza dello Chardonnay, estremamente corposo e concentrato, ma straordinariamente equilibrato nonostante le sue enormi dimensioni. Splendido da bere ora, dovrebbe durare per un decennio o più.”

Romanee Conti 1985, Domaine Romanee Conti: 100/100 Robert Parker

Robert Parker ha scritto:

“Il Romanee-Conti 1985 è assolutamente strabiliante. Il profumo inebriante e inebriante sprigiona aromi penetranti e sublimi, ancora più intensi di quelli del La Tache. Al palato, c’è un vero buffet di delizie terrene e celesti. Inutile dire che è molto ricco, molto opulento e molto concentrato.  La mia ipotesi è che raggiungerà il picco tra il 1990 e il 2005, poiché è un po’ più avanti di La Tache o Richebourg.
Questa leggendaria tenuta ha avuto un brillante curriculum dal 1978. Lalou Bize-Leroy e Aubert de Villaine sembrano avere tutto a portata di mano, quindi è improbabile che alcune delle lacune nel controllo della qualità verificatesi in precedenza riemergano. Sono sicuro che ancora non riescono a capire perché la loro tenuta sia così spesso individuata per attacchi dannosi, ma nessuno dovrebbe avere problemi ad apprezzare gli anni ’85 del domaine, che sono i loro migliori vini degli ultimi decenni, superando anche i loro sensazionali anni ’78. Il problema è trovare i soldi per finanziarli. I vini, affinati in botti nuove al 100%, non vengono mai filtrati.”

 

Richebourg 1929, Domaine Romanee Conti: 100/100 Robert Parker

Robert Parker ha scritto:

“I lettori di lunga data sanno che spesso sono molto più critico nei confronti dei vini più vecchi rispetto a molti altri scrittori. Per meritare valutazioni alte, un vino più vecchio deve essere ancora pienamente vivo e con la sua personalità intatta. Con questo in mente, devo dire che il Richebourg della RDC del 1929 è uno dei vini più straordinari che abbia mai assaggiato. Un colore granato medio rivela arancione e ruggine al bordo. Il vino rimane integro, con una fragranza irresistibile. Un enorme naso di anatra affumicata, erbe aromatiche, frutta dolce, liquirizia e tartufo si libra dal bicchiere. Questo vino, che ha rifiutato di lasciar andare i suoi dolci frutti di confettura, rivela una struttura untuosa e opulenta e un finale gommoso, alcolico e carnoso. La voce dei veterani della Borgogna era che gli anni ’29 erano giovanissimi, ma non avrebbero mantenuto. All’età di sessantatré anni, questo è un vino rosso avvincente come non l’ho mai bevuto. Devo dire che questa bottiglia era stata ritappata diversi anni fa al domaine.”

Spero sia stato utile a tutti voi questo breve articolo. Mi sono divertito molto a fare questa piccola ricerca.